FOTO: Eccolo il modello per il “nuovo Franchi”

Si chiama “Stade Matmut-Atlantique” ed è situato a Bordeaux: è il modello designato per fare da punto di riferimento al nuovo impianto che la Fiorentina vorrebbe costruire nell’ambito del maxi progetto legato alla Cittadella viola. E’ stato inaugurato nel 2015 e costruito appositamente per ospitare Euro 2016: stadio costato 168 milioni di euro (mentre le cifre di cui abbiamo parlato in mattinata fanno riferimento ovviamente anche alle altre strutture circostanti lo stadio che dovrebbe sorgere alla Mercafir), con i lavori iniziati nel 2013. La capienza si aggira sui 42.000 posti, quella che i Della Valle avrebbero in mente insomma per il loro nuovo impianto.

stadio-bordeaux-2

stadio-bordeaux-4

stadio-bordeaux-3

stadio-bordeaux-5

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. Ma il Comune dice di presentare il progetto definitivo e la Fiorentina vuole presentare quello preliminare come stanno le cose ? Se si chiede il progetto definitvo allora c’è la certezza al 120 per cento che si fa altrimenti DV paga il progetto definitivo e non si sposta la MERCAFIR. Cmq la volontà è quella di farlo giorno più giorno meno. Io presento il progetto definitvo quando ho i terreni a disposizione.

  2. Che persone incredibili !!!! ancora non è neppure nei disegni !!! ma c’è chi sa già che sarà scomodo !!

    F E N O M E N I !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Lo stadio di Bordeaux è meraviglioso (tanto si sa che i Fiorentini criticano a prescindere quando vedono una cosa nuova, per fortuna la loro opinione vale meno di zero), il vero problema è che in realtà lo stadio non lo faremo mai.
    Magari avere uno stadio simile.

  4. Uno stadio a forma di mocassino.
    Brutto da vedere.
    Scomodo.
    Magari ci scriveranno pure il loro nome e lo chiameranno il Tod’s Arena.

  5. Perchė ? Non va piū bene il Franchi?

  6. Ma l’esterno non doveva essere come quello di Manaus o sia a catino?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*