Frey: “Altrove potevo vincere. A Firenze una morbosità pericolosa e bellissima, ma nessuno ti dimentica se onori la maglia”

Sebastien Frey a Viola Week de La Nazione fa amarcord: “Altrove avrei potuto vincere, lo so bene. Anche se nel calcio non c’è niente di scritto. Ma nella vita hai sempre quello che meriti. E quello che semini raccogli. E io a Firenze ho raccolto e ricevuto tanto, sono l’ultimo che si può lamentare. Ho ritrovato la solita che avevo lasciato. Pignola, un po’ polemica, ma vera. Una città che pretende tanto ma che ti restituisce tanto di più. Qui la polemica non manca mai, anche quando le cose vanno bene. Ma se riesci a capire il fiorentino, non puoi non amarlo, non puoi non capirlo. Cosa mi ha fatto innamorare del fiorentino? L’attaccamento alla squadra. Una morbosità pericolosa ma bellissima. A Firenze si parla 24 ore al giorno di calcio e di Fiorentina. Ma qui, nessuno, dimentica. Di chi ha onorato la maglia, di chi l’ha rispettata. Lo vedo le volte che torno, che cammino per la strada, che bevo un caffè al bar. Mi fermano, mi salutano come se non fossi mai andato via. E quando smetti di giocare è il sentimento più bello. Ti fa bene. Sono cose che non hanno prezzo. Qui ho amici, momenti da ricordare, una casa. Ho deciso di investire in una città che ha tanta storia e un bel sapore. Come quello del buon vino”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. Sarebbe stato bello averlo anche se come secondo o terzo portiere(come fece Lupatelli)fino alla fine della carriera forse troppo anticipata che é una bella persona.

  2. Grandissimo Sebastien Frey n 1!!!!

  3. Frey è un presuntuoso: portiere sopra la media, ma non oltre… La sua carriera è stata dal’ Inter in poi in discesa fino a toccare il fondo con il Genoa…Non avrebbe vinto a Firenze come altrove essendo di per sè già lui un punto non di forza…Completamente diverso il discorso per Francesco Toldo unico portiere top player della storia della Fiorentina

  4. lucabilly1963, da Atene, Grecia

    Un portierone. Fortissimo. Sempre uno di noi.

  5. SEBA SEI UN GRANDE!!!

  6. San Seba. Ricordo ancora a Londra con l’Everton ci presero a pallate tutto il tempo, e se passammo il turno fu gran parte merito delle tue parate.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*