Frey: “Fiorentina, nuovo stadio fondamentale. Bernardeschi deve diventare un’icona come Antognoni e Batistuta”

Sebastien Frey, ex-portiere della Fiorentina, ha rilasciato una bella intervista a ViolaChannel, in cui ha raccontato dell’esperienza in viola: “Ricordo la mia presentazione: c’erano centinaia di persone ad accogliere me, Pasqual e Brocchi. Iniziava un nuovo ciclo. L’inizio ha visto un un nuovo allenatore, lo stadio pieno e una vittoria. Ci incontriamo spesso a Firenze coi vecchi: Mutu, Ujfalusi, Jorgensen Gila, Dainelli, il LupoLupatellli per me è stato un fratello maggiore, un amico. Fare il secondo non è facile: lui non ha mai messo pressioni. Da allenatore è uno che prenderei sempre. Allenare? No, ho smesso un anno e mezzo fa e ancora non mi stuzzica l’idea. Sono chiamato spesso per partite di esibizione in giro per il mondo e sono entrato nell’Inter Forever, la squadra di vecchie glorie dell’Inter. È stata la mia prima squadra italiana, e mi fa piacere.  Per i 90 anni della Fiorentina mi son sentito un bambino all’esordio. Mi sono emozionato. Io sono arrivato in una fase di transizione: oggi il portiere è il primo attaccante, e l’azione parte da lui. Così come i difensori devono poter contare su di lui. Quando sono venuto via avevo visto un cambiamento negativo in Italia: il livello si era abbassato. Ho provato ad andare all’estero, e ora che ho smesso seguo il campionato e la Fiorentina. Ora vedo segnali positivi: squadre che investono nuovamente sui giovani. I ragazzi italiani devono crescere ed avere fiducia. Qui abbiamo Bernardeschi che è un ragazzo su cui puntare e che deve essere protetto, per renderlo un’icona di questa Fiorentina come sono stati Antognoni e Batistuta. Nuovo Stadio? Ci vuole, anche a livello economico: è una spesa che si recupera con merchandising e benefici, ed apparterebbe tutto al club. La piazza, e il calore, può portare benefici enormi”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Anonimo Bancario

    Grande Seba avessi i tuoi capelli

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*