Galeotta fu quella serataccia milanese

Gonzalo Esultanza

Una sorta di ossimoro tra il dantesco “galeotta fu”, base dell’amore tra Paolo e Francesca, e la folle serata di Milano, che invece potrebbe aver fatto da preludio ad una separazione dolorosa: quella tra Gonzalo e la Fiorentina. L’incontro della settimana scorsa tra il procuratore Iglesias e Pantaleo Corvino aveva portato ad un certo ottimismo da ambo le parti e sembrava davvero che la questione potesse riguardare la durata del prolungamento: invece no, oggi è sorto il problema economico che ha complicato decisamente il discorso. Anche perché in mezzo ai due incontri c’è stata la sciagurata, soprattutto da parte dell’argentino, di San Siro: il capitano viola è stato protagonista in negativo dei primi venti minuti, oltreché del cartellino rosso a fine primo tempo (che comunque non c’era). Chissà che a cambiare le carte in tavola non sia stato anche qualche dubbio sulla sua tenuta, sorto proprio lunedì sera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. ROBERTO NOVOLI

    In questo articolo si presuppone che qualcuno della società abbia visto la partita o capisca qualcosa di calcio. Cosa che dubito fortemente. Il messaggio dato a Corvino è vendere e abbassare il monte ingaggi per cui Gonzalo potrebbe aver segnato anche 4 gol a Milan, avrebbero trovato qualcosa da ridire anche in questo caso. La Fiorentina è una società alla frutta e i fratellini se ne vogliono disfare. ma quando ci si metterà in testa che questa è la loro volontà. Proviamo a contestarli già da domenica sera. Ma contestazione dura.

  2. Sicuro che la mancanza di rispetto non l’abbia avuta lui verso la Fiorentina e non viceversa? Fare un’uscita del genere è certamente da capitano che tiene alla maglia… Tiene molto alla maglia chi per 5 anni guadagna 1.2 milioni l’anno (totale 6 milioni) e non accetta un leggero decurtamento dell’ingaggio?

  3. Ma come si fa…. Gonzalo e un grande.. non può essere trattato così. Siamo alla follia

  4. Chi condanna Gonzalo ed esprime giudizi trancianti su lui, è meglio cambi sport.

  5. Infatti, non si deve giudicare da una sola partita ma, purtroppo, da tutta una sequela di partitacce giocate dal capitano. Giocatore al capolinea e non da confermare.

  6. Siamo seri per favore Gonzalo merita rispetto!

  7. Ma si giudica un calciatore che è qui da anni in base ad una partita o a qualche partita? Non scherziamo…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*