GAME OVER

Con il pareggio di ieri contro la Sampdoria, la Fiorentina è uscita ufficialmente dalla lotta per il terzo posto. Dopo la partenza sprint che ha visto i viola al primo posto in classifica per alcune giornate, il terzo posto sembrava alla portata della banda di Paulo Sousa: complice (anche) la rinascita della Roma dopo il cambio in panchina tra Garcia e Spalletti, i viola sono scivolati dal +2 sui giallorossi dopo la vittoria contro l’Atalanta al -7 attuale. Gli ultimi tre punti in campionato risalgono alla trasferta di Bergamo, che risale al 21 febbraio: da lì in poi sono arrivati i pareggi contro Napoli, Hellas, Frosinone e Sampdoria e la pesante sconfitta contro la Roma nello scontro diretto. Nel frattempo, i giallorossi sono inciampati solo contro l’Inter e ha conquistato i tre punti nelle altre partite, allungando in classifica anche sui nerazzurri. Ed è proprio dal club di Thohir che la Fiorentina dovrà guardarsi in questo finale di campionato: conquistare il quarto posto, per la quarta stagione consecutiva, sarà fondamentale per non doversi ridurre a tifare Juventus in finale di Coppa Italia. In caso di arrivo al quinto posto e di contemporanea vittoria del Milan contro i bianconeri infatti, la Fiorentina dovrà partire dai preliminari e scendere in campo l’ultima settimana di luglio, anticipando di gran lunga l’inizio della preparazione nell’anno degli Europei e della Copa America. Un’eventualità da scongiurare, guardando anche alle disastrose stagioni di Sampdoria e Lazio, che hanno dovuto affrontare i preliminari nella scorsa stagione, perdendoli entrambi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. Game Over lo diciamo noi Tifosi e non clienti, e per quanto mi riguarda questo è proprio un Game Over fino a quando Uomo di Me..a Cognigni rimane a Firenze e oltre a fare il ragioniere fà e disfa il mercato io con la Fiorentina HO CHIUSO, con enorme dispiacere e delusione non rinnoverò gli abbonamenti allo stadio ne su premium, dal prox campionato dopo 25 anni non seguirò, e lo dico cn il cuore spezzato, più la Viola. GAME OVER!!!!

  2. Quindi se fossimo arrivati terzi avremmo fatto le fine della Lazio…

  3. Bastava fare un mercato a gennaio, invece della solita pantomima di Cogngni uomo di M. speriamo che l’ arno in piena ti porti via da Firenze…..

  4. game over nulla, qui bisogna tornare concentrati fin da subito!! vinciamole tutte e poi vediamo!! lottare!!! e le questioni dirigenziali non devono influenzare il campo!! testa solo a vincere!!

  5. Io penso che sia la proprietà nel non voler andare in Champions e che si magari l’allenatore e i giocatori si siano un po’ rilassati , anche perché se veramente questa proprietà ambiva ad andare in Champions non faceva quel mercato da pezzenti che ha fatto , poi possiamo dare la colpa ai giocatori ed all’allenatore , ma la verità sappiamo quale è solo gente con il prosciutto agli occhi o i difensori dei DV possono trovare altri colpevoli.

  6. Ed ora (“speremo de no!” rispondeva Paròn Nereo all’augurio “vinca il migliore”) siamo con le farfalle tra le dita e le pive nel sacco; i giocatori di calcio, stante la giovane età, i troppi quattrini anche in squadre derelitte, l’istruzione carente, il mondo falsato da valori barlacci, non brillano per QI. Come la canzone di Cochi & Renato, parlano precotto, ‘pieni di bei presentimenti’ dicono “un po’ di tutto e un po’ di niente”. I nosrtri eroi che, grazie all’alibi della rosa carente (vero, e accidenti ad ombrellino a chi ha dato via Savic e non ha comprato un valido sostituto, perché qualche ciuco di Buridano ‘non era convinto’… di essere un completo stronzo), hanno proclamato con le argentee chiarine a tutto fiato ‘che le ultime partite, definite “finali”, le avrebbero vinte tutte (3 miserrimi puntazzi in 5 partite, roba da retrocessione); e che il terzo posto era lì a portata di mano (vero! Se avessero giocato in modo decente, di punti ne potevano fare almeno una dozzina, con un calendario che definire ‘favorevole’ rappresentava il colmo del pessimismo. ‘No, cari piccini no, così non va: diamo un addio alla Viola, se nella Viola è l’infelicità’? ‘Ma faceva caldo!’ Ed il già retrocesso Verona giocava nel congelatore? Ed il Carpi, che lo segue a ruota, aveva le tute refrigerate? Diteci fuori dai denti che non avevate più voglia di crederci, che avete pensato più alle zampine che alla classifica, che siete già presi nella morsa del futuro, incerto in una società allo sbando, con dirigenti dei nostri testicoli, con una proprietà che ci ritiene la Cenerentola del loro impero industriale, con la scusante, vero anche questo, che una manica di mer…cafir…ajoli, più ignoranti del più zubo della rosa, e politicantucci del bus del c.., mettono i bastoni tra le ruote per investire nel nuovo stadio; che avrebbe un gran valore, come asserisce giustamente Sconcerti, se fatto subito, non quando ce l’hanno quasi tutti (Juve, Sassuolo, Udinese, guarda caso tutti sopra il 43° parallelo, ma anche il sud ci passerà in tromba, sono già sistemati).
    E risiamo in mezzo al guado, sta per iniziare l’inesorabile emorragia dei pochi talenti rimasti; con una Roma in fase di tentennante rifondazione che, nonostante i mugugni dei capitani passati e non futuri, dando la fascia al più bruttino, e la panca al ‘santone’ Spalletti dall’orribile eloquio (‘quelle che sono’ ripetuto alla noia, gli par che faccia fino, il di contado figlio) che se avesse sfilato prima la panca di sotto il cucù ad un Garcia da circo, sarebbe a lottare con la Juve.
    O si da una decisa sterzata ora, cara Viola, o, partiti per consunzione, limiti di età, offerte non rifiutabili, e tutte le cazzate che ci vorranno ammannire come giustificazione, tipo ‘apriamo un nuovo ciclo’ (Bernardeschi lo vuole la Juve, per farlo stare almeno un anno a contatto con l’altro carrarino, Buffon; si perché loro i toscani buoni ce li fregano a manciate, sotto il naso da sempre).
    E siccome la concorrenza non brilla (una almeno delle milanesi la possiamo tener dietro, ma attenti al Sassuolo) può anche darsi che ri raggiunga un posto in Europina, salvo poi fare come quest’anno che, con la rosa più spine che petali e malazzata di cocciniglia, abbiamo perso due partite casalinghe da vincere, beccato il retrocesso Tottenham e ‘buonanotte al secchio’. Se si deve andare nella League per fare la figura dei ciuchi e farsi buttare fuori dalla Coppitalia (spianando la finale al pessimo Milan, che in partita ‘secca’ se la gioca) tanto vale andare a raccoglier cicerbite.

  7. Tyrion Lannister

    Preliminari di europa league???????? l’unica obiettivo concreto e ancora alla nostra portata rimane l’ottavo posto per non fare troppa coppa Italia……mancano 7 punti ma sono sicuro che ne bastano 5

  8. Si.bastava far capire alla squadra che la società aspirava a qualcosa
    Invece co e al solito tante parole superficiali e pochi fatti concreti
    Secondo pensare di trattare il mondo del calcio come quello della moda
    È sbagliato

  9. bastava prendere 2 innesti importanti senza prenderne 5 di cui 3 pippe e penso che il problema era risolto .pero’ se abbiamo una dirigenza da terza categoria senza offesa chiaramente per la categoria, allora e’ giusto andare in europa league che sinceramente a me ha stufato parecchio tanto in fondo non ci arrivi e dal punto di vista economico ti porta poco o nulla.anche quest’ anno arrivederci e grazie. al prossimo anno

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*