Questo sito contribuisce alla audience di

Germania-Australia: La prima volta finì con un festival del gol

Mentre il calcio italiano ha ormai emesso tutti i suoi verdetti, compreso il nome dell’ultima promossa dalla Lega Pro alla Serie B, quello internazionale sta facendo le prove per i Mondiali del 2018.

E’ in svolgimento dallo scorso sabato, difatti, la Confederation Cup.

Il torneo mette di fronte otto nazionali. In aggiunta ai campioni delle diverse federazioni continentali, scendono in campo pure i vincitori di Brasile 2014, la Germania, e la nazionale del Paese che ospiterà la prossima edizione della rassegna iridata, vale a dire la Russia.

Per conoscere il successore del Brasile, la compagine verdeoro ha conquistato per quattro volte la Confederation Cup, le ultime tre senza soluzione di continuità dal 2005 in poi, dovranno essere disputate ancora 12 gare: nove valide per i gironi di qualificazione, le semifinali, quindi la finalissima prevista per il prossimo 2 luglio alla Zenit Arena di San Pietroburgo.

E questa sera scenderanno in campo proprio i campioni del mondo in carica, la Germania guidata da Joachim Low.

Quella tedesca possiamo definirla a tutti gli effetti una nazionale ‘sperimentale’. Perché la maggior parte dei big che hanno trionfato in Brasile nel 2014 sono rimasti a casa. Fra l’altro il feeling fra la Germania e la Confederation Cup non è mai scoccato. Ad oggi, infatti, contiamo solo 2 partecipazioni: nell’edizione del 1999 giocata in Messico (fuori al termine dei gironi) e in quella del 2005 giocata prima del mondiale casalingo (terza classificata). Pertanto lo score dei tedeschi parla di 8 gare disputate nel torneo con un bilancio di 3 vittorie, 2 pareggi, 3 sconfitte, 16 gol fatti e 17 incassati. Dato quest’ultimo che lascia un po’ perplessi. Soprattutto tenendo a mente la solidità difensiva che generalmente contraddistingue le squadre tedesche.

L’Australia di Angelos Postecoglou ha invece una storia più corposa in Confederation Cup. Le gare affrontate ammontano a 13 con un bilancio di 4 successi, 2 segni X, 7 sconfitte; 12 le marcature all’attivo, contro le 20 al passivo. L’ultima partecipazione dei socceroos alla competizione risale al 2005, quando uscirono ai gironi dopo aver perso tutti i match disputati. Nel 2001, invece, furono medaglia di bronzo, battendo nientedimeno che il Brasile nella finalina di consolazione. Quattro anni prima, nel 1997, proprio i verdeoro avevano rifilato all’Australia un’amara delusione, imponendosi per 6-0 nell’atto conclusivo e relegandoli in seconda piazza.

Per chi volesse tentare la sorte puntando su Australia-Germania con Planetwin365 scommesse, segnaliamo che un precedente in Confederation Cup fra le due nazionali già c’è.

Edizione del 2005, Germania-Australia, 15 giugno, finisce con ben 7 gol marcati e un 4-3 per i tedeschi. A scrivere il proprio nome nel tabellino dei bomber furono Kuranyi, Mertesacker, Ballack (su calcio di rigore) e Podolski da un lato, Aloisi (doppietta) e Skoko dall’altro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA