Giani: “Coprire il Franchi si può. Un intervento da 40 milioni. Vi spiego i punti essenziali del progetto”

Da una parte la Fiorentina chiede una proroga dei tempi per la costruzione del nuovo stadio, dall’altra c’è anche chi comincia a vedere di buon occhio la soluzione della copertura del ‘Franchi’ in attesa che possano partire i lavori alla Mercafir. Tra questi anche il presidente del consiglio regionale, Eugenio Giani: “Secondo lo studio di fattibilità che venne redatto all’epoca – racconta Giani a La Nazione – la cifra si assesterebbe tra i 30 milioni e i 40 milioni. Uno degli aspetti più importanti da ricordare è che l’Uefa, all’epoca, considerò in modo assai positivo questo restyling. Furono altri i motivi infatti che non consentirono all’Italia di ospitare la più importante competizione continentale per nazionali. Ragioni legate alla vicenda Calciopoli e al vuoto di potere che, in quel momento, c’era ai vertici del nostro sport. E anche la Sovrintendenza, nella persona di Paola Grifoni, si dichiarò possibilista sul nostro studio. Alternativa al nuovo stadio? Assolutamente no. Questo è un punto essenziale da sottolineare. Dobbiamo ricordare che l’Artemio Franchi è un monumento nazionale. Non sarà quindi possibile raderlo al suolo, anche una volta terminato il nuovo impianto e costruire in quello spazio alloggi popolari o un immenso giardino. Che senso avrà tenere un contenitore così grande, vuoto e inutilizzato al centro di un quartiere densamente popolato come Campo di Marte? Nessuno, almeno secondo me. L’idea potrebbe essere quella di coprire il Franchi, dargli una seconda vita e un domani, quando sarà terminato il nuovo stadio, riutilizzarlo per altri sport, per eventi culturali e musicali. Anche perché è bene ricordare che le Olimpiadi di Roma del 2024 sono dietro l’angolo. E ci saranno degli eventi paralleli che verranno svolti a Firenze e a Napoli”. Giani spiega i punti essenziali del progetto: “La copertura delle tribune avverrebbe in modo avvolgente, senza però toccare la struttura pensata dal Nervi. Al termine dei lavori il 75% dei posti a sedere si troverebbero al coperto. Un beneficio indubbio, soprattutto per la maratona. Il Franchi diventerebbe uno stadio moderno, come quelli statunitensi o quelli inglesi, con tavoli, sedie e una vetrata che affaccerebbe direttamente sul rettangolo di gioco. Sono previsti anche ventitré sky box, destinati ad accogliere una decina di persone ciascuno. Veri e propri salottini con divani, riservati agli sponsor sia per vedere le partite che per altri eventi extracalcistici”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

20 commenti

  1. No signori ! Il comune lo spazio per lo stadio lo aveva trovato da quel di. Sono lorsignori che 1) Prima volevano Castello e solo quello 2) “Lo stadio e basta, sposta poco” che tradotto significa vogliono lo spazio per il commerciale altrimenti nisba 3) Davanti alla paventata disponibilità della zona Mercafir, chiedono tempo per trovare un finanziatore 4) L’ultima, si sono accorti che nell’area Mercafir il livello della falda è molto superficiale (come se in un ex palude bonificata nn fosse una cosa prevedibile). È poi evidente che l’intera operazione nn può essere finanziata dalla collettività. Dove esiste che un bene i cui utili vanno in tasca ad un ente privato, debbano essere sulle spalle della collettività ? Sull’odio ideologico, mi pare di aver portato argomenti concreti, ma liberissimi di tenervi la vostra opinione. Si può anche dire che all’Incisa c’è lo splendido centro sportivo della Fiorentina, bellissimo !

  2. Attaccare i DV sulla costruzione dello Stadio vuol dire essere prevenuti basta rileggersi tutte le tappe di questa situazione tragicomica per capire che la colpa è esclusiva del COMUNE di Firenze.
    Basta rileggersi quello che disse DDV alla presentazione del plastico per capire come sono andate le cose infatti da tanti anni DDV ha mollato tutto arrivando anche a infamare Renzi.
    Se non avesse avuto ragione ci sarebbero stati degli strascichi pesanti invece il presidente del consiglio ha fatto finta di nulla.
    Quando un VERO imprenditore è disposto a fare qualcosa di importante sta nella politica cittadina prendere al volo la fortuna non annodandosi per 11 anni in azioni che hanno delli’inverosimile.
    DDV si è staccato definitivamente dalla città perché ha capito che su fa solo FUFFA e spero di sbagliarmi.

  3. @ S69 commenti poveri di contenuto e pieni di bile ideologica . Condoglianze vivissime .

  4. Fanno bene a mettere i puntini….xrche come tifoso viola solo questi ti meriti…vaia vaia

  5. S69 se il comune da l area è chiaro che non puoi farci altro che lo stadio e annessi e connessi ma prima di tutto lo stadio.. trovi tutto per attaccare i DV sei patetico

  6. Il poblema non sono le soluzioni, ma il fatto che a Firenze non si riesce mai a mettere d’accordo nessuno. I 40 milioni si possono trovare tassando tutti quelli di Firenze, compreso i gornalisti che si spacciano di fede viola, che insultano i Della Valle bollandoli come “braccini corti”.

  7. Giusto MAX le olimpiadi potrebbero essere una grande opportunità per il paese, ma non per l’Italia che non è la Germania o l’Inghilterra dove le cose funzionano e soprattutto quasi zero corruzione, ma le cattedrali nel deserto che sono state fatte in altre manifestazio vedi mondiali di nuoto a roma mega palazzetti mai finiti e lasciati a marcire, questo non è un paese affidabile ad oggi per cose cosi importanti.

  8. Se nn hai parole, quelle che ti hanno censurato i’ke l’erano ? All’Incisa ti risulta ci sia il centro sportivo della Fiorentina ?

  9. A buttar via i nostri soldi siete dei maestri. 30-40 milioni per coprire lo stadio? Le olimpiadi del 2024 sono dietro l’angolo? Ma che siamo su scherzi a parte? Massa di incompetenti, quanti decenni vi ci vogliono per costruire uno stadio?!!

  10. X s69… Ma se i dv ti comprano messi… T …….. xrche’ vuoi anche neymar…non ho parole

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*