Giaretta a FN: “Ci aspettavamo una Fiorentina ridimensionata e invece ecco una bella sorpresa ed uno spot al lavoro. Che comunicatore Sousa”

Sousa Milan 3

In casa Udinese la Fiorentina ha pescato spesso, l’ultimo esempio è quello di Cuadrado che ha mosso cifre anche impensabili inizialmente. E da due anni e mezzo dietro alla scrivania friulana c’è Cristiano Giaretta, uno tra gli interlocutori preferiti dello stesso Pradè. A Fiorentinanews.com Giaretta parla della prossima sfida che attende gli uomini di Sousa.

Udinese che arriva in fiducia a Firenze ma la Fiorentina cerca il riscatto…

“Mi aspetto una gara molto difficile per noi infatti, dove la Fiorentina cercherà di fare la partita, di padroneggiare il gioco. È questo ciò che percepisco dalle partite dei viola in questa stagione, con una squadra in grande crescita, grande collettivo”.

Sarà la solita Udinese in contropiede?

“Noi in realtà ora cerchiamo meno la ripartenza, rispetto al passato. Colantuono secondo me sta facendo un ottimo lavoro per cambiare questa mentalità. Non è che abbiamo grandi caratteristiche per dedicarci alla ripartenza ma anzi vorremmo mostrarci più coraggiosi ed aggressivi nella metà campo avversaria”.

Si aspettava questa Fiorentina invece dopo l’ultima estate?

“Tutti si aspettavano una Fiorentina ridimensionata, è molto bello che sia lassù perché vuol dire che il lavoro paga. Ha un grande allenatore, una  grande umiltà nei singoli. Possiamo considerarla una bella sorpresa, uno spot al calciomercato. Le cessioni importanti evidentemente non sono sinonimo di stagione ridimensionata ma anche di rilancio”.

Sousa il protagonista principale?

“La sorpresa è sicuramente l’allenatore, in Italia lo avevamo conosciuto solo da calciatore. E’ sempre stato intelligente quindi si è calato in un una parte importante, conosce più di una lingua. Deve essere un grande comunicatore e questa chiave di lettura. Ottima scelta”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. carissimo i’am bored, dici così perchè tutto sta girando bene contro ogni più rosea aspettattiva. Ma all’inizio di campionato io ci ho pensato prima di rinnovare l’abbonamento perchè erano partiti giocatori top, come Savic, Joachim, Pizzarro, Neto e arrivati giocatori che dovevano dimostrare il loro valore, Sousa compreso. Sta andando bene e lecchiamoci i baffi !!

  2. Ma quali sarebbero le cessioni importanti? se escludiamo quella di Salah che abbiamo subito e non fatta,Chi dovremmo rimpiangere ? Aquilani ? Gilardino ? Pizzarro? Neto? Gomez ? Non abbiamo in più giocatori come Vecino, Babacar, Bernardeschi, Kalinic, Astori? e non sono saliti molto nel rendimento i vari Alonso, Badelj, Ilicic, Roncaglia? Il solo Suarez inaspettatamente ha deluso e tutti aspettiamo con fiducia Rossi e Kuba. Forse dovremmo rimpiangere l’Aeroplanino? Non c’è niente da rimpiangere.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*