Giaretta a FN: “Con Pradè abbiamo parlato di Heurtaux, ma non in questa stagione. Senza lo stadio nuovo non c’è futuro”

Giaretta

A Fiorentinanews.com, il direttore sportivo dell’Udinese Cristiano Giaretta parla di un nome in particolare: quello di Thomas Heurtaux, difensore francese classe ’88 che da diverso tempo viene accostato alla Fiorentina. Pourparler ce ne sono stati, ma evidentemente non recentissimi…

La Fiorentina ha chiesto Heurtaux all’Udinese?

“L’interessamento oggi non c’è e non ci sono stati contatti in questa stagione. Con Pradè poi parliamo diverse volte e di diversi giocatori, di Heurtaux ne abbiamo parlato in passato. Ma le chiacchiere non sono sempre e solo trattative”.

Stesso discorso per Widmer?

Widmer sta facendo molto bene, è un giocatore in rampa di lancio. Non è però il momento per venderlo da parte nostra”.

Argomento stadio, il vostro è quasi pronto mentre a Firenze se ne parla da tempo, notate già dei vantaggi?

“Indubbiamente sì, anche perché non è proprio restyling, ma è una struttura molto diversa da prima. I tifosi sono attaccati al campo, possono dare il cinque ai giocatori, ed è un vantaggio a livello ambientale sia per i calciatori che per i nostri supporter. Si sente più la partecipazione del tifoso, aldilà dell’aspetto economico. Quello lo potremo valutare più avanti, anche perché gli spazi commerciali non sono ancora partiti; dalla prossima stagione l’intenzione è quella di rendere attivo lo stadio 7 giorni su 7, con 17000 metri quadrati in aree già stabilite. La nostra speranza un giorno è quella di aumentare il fatturato e trattenere giocatori, per la gioia dei nostri tifosi”.

Indispensabile quindi agire sulle strutture?

“Assolutamente sì, senza strutture non si va da nessuna parte. Sono l’apice della crescita di una società, lo vediamo in Inghilterra ma anche da noi con la Juventus, che ha guadagnato tantissimo in termini di fatturato e punti in classifica. È la nostra speranza per il futuro, quella di poter un giorno aggiungere un surplus economico al fatturato”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. I Grossisti se ragionano e mettono da parte i capriccci la nuova sede Osmannoro Bis non è inferiore a quella attuale.La nuova zona terreni libero da vincoli di demolizione c’è una rete Ferroviaria che collega la vecchia con la Nuova. Sfruttando tale rete i Tir non attraversano la città, si fermano prima di entrare nella città.Proprio perchè terreno libero da ostacoli si può strutturare meglio la nuove strutture. la vecchia Mercafir puntava sulle bancarelle ora deve travare nuove forme di mercato

  2. Si sono fatte riuniuoni su riunioni… bandi per trovare i terreni per spostare la MERCAFIR. Dovevano essere 15 ha, dentro il comune di Firenze,i DV dovevano pagare il traslogo e terreni… Poi arriva il Presidente Falchetti di fatto si da il via libera… il giorno dopo non mi sta bene e non ci spostiamo dall’Attuale sede. Si prende in giro le persone ? Gli danno una sede nuova, non spendono di traslogo possono progettare tutto e si boccia tutto ? Roba da ROMANZO THRILLER di DARIO ARGENTO.

  3. Cmq la Famiglia DV nel 2008 ci aveva pensato con tanto di progetto, non definitivo perchè non c’erano i terreni. In quel periodo è stato bloccato tutto per DOMENICI aveva dato già il via.Eliminava il PARCHINO della PIANA in fondo erano gli ETTARI che i DV chiedevano. Poi è stato fatto saltare tutto per l’intervento della Magistratura inchesta Castello. Ora vengono fuori i GROSSISTI vogliono prendere in giro. Basta a prese di giro,è stato fatto un bando di ricerca dei terreni 15 ha dentro le mura

  4. finalmente una buona notizia, lo stadio sarebbe importante penso. Come mai persone così intelligenti non ci hanno pensato prima, forse sarebbe l’uovo di Colombo.
    Ah però

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*