Giovani ali crescono. Ora serve coraggio

L'attaccante della Primavera della Fiorentina Joshua Perez. Foto: Fiorentinanews.com

Perez e Chiesa, le giovani ali della Fiorentina crescono e se in Primavera sono già decisivi, la loro carriera in prima squadra è appena iniziata. I due sono stati portati “con i grandi” da Paulo Sousa che non ha esitato poi tanto a gettarli nella mischia. Perez e Chiesa dovranno ancora lavorare duro per diventare giocatori a tutti gli effetti e servirà ancora un pizzico di coraggio da parte di Sousa perché i due potranno davvero crescere solamente se avranno l’opportunità di giocare più partite da protagonisti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. mi stavo scervellando per trovare una soluzione per quel catenaccio di Tello e debbo dire che la più geniale e semplivce allo stesso tempo èp quella proposta da Gino!!!Tello in Primavera ed il gioco è fatto!!magari nella clausola firmata con il Barcellona non c’è neanche la distinzione tra prima squadra e Primavera e stiamo a posto!!!

  2. Concordo in tutto e per tutto! A me è sempre piaciuto di più Minnelli, spiace che si rischi di rallentarne la crescita con certe scelte…

  3. Personalmente li ho visti spesso in Primavera e non credo affatto in Perez e neanche in Chiesa. Se proprio doveva trattenere qualcuno non capisco perchè non lo abbia fatto con Minelli: sarebbe stato utile se fosse stato ceduto in Serie B, il Lega Pro non serve a niente, solo a farlo picchiare di santa ragione. Comunque in Primavera c’è Giuseppe Caso nel quale io credo molto di più che in Chiesa e Perez.

  4. Fate giocare Tell in Primavera

  5. Chiesa a me, piace un sacco! Corre come un diavolo, ha personalità da vendere e grandi numeri!
    Fosse per me, lo metterei titolare fisso al posto di Tello, con il Berna nel lato opposto.
    Ah, volevo solo fare una considerazione: secondo me, c è un aria troppo pesante intorno alla Fiorentina.
    Chi se la prende con Sousa, chi con i giocatori, chi con i DV, ma volevo solo far notare che, a parte la Lazio (mi pare), abbiamo già giocato contro tutte le squadre di vertice e siamo solo a 8 punti dal 3° posto (con una partita in meno).
    Il succo del discorso è questo: se è vero che il momento non è dei migliori, invece di alzare polverone (che intorno alla Viola sembra esserci perennemente), sosterrei la squadra e l allenatore…poi a gennaio, vediamo i DV che vogliono fare.
    FORZA VIOLA!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*