Questo sito contribuisce alla audience di

Giovinco-Fiorentina: tra gradimento reciproco ed una difficoltà di non poco conto

Secondo quanto scrive Tuttosport, Fiorentina e Torino in Italia e la Premier League all’estero sono le sole due vere prospettive in merito al futuro di Sebastian Giovinco, che però prende tempo: da febbraio potrà decidere con chi trattare in totale autonomia, in assenza di contatti con la Juventus che, ad oggi, detiene la proprietà del suo cartellino. Il club bianconero è conscio del fatto che dopo gli 11 milioni spesi per riscattare l’attaccante dal Parma, il problema più pressante risiede nella “gestione” di un ingaggio non indifferente: 2 milioni netti più bonus, a salire fin quasi a due e mezzo, uno stipendio che “fa fuori” varie società interessate al giocatore. E poi si dovrà tener conto della predilezione del fantasista per realtà di livello tale da escludere alcuni club in automatico. La Fiorentina sarebbe opzione gradita, anche se i viola non potrebbero sostenere una spesa del genere (Mario Gomez e Giuseppe Rossi viaggiano su standard economici molto simili). Resta il fatto che il tecnico viola Vincenzo Montella è uno degli estimatori più accesi della Formica Atomica.

© RIPRODUZIONE RISERVATA