Questo sito contribuisce alla audience di

Gomez come Quagliarella ed El Shaarawy

Le premesse sono più che buone: Mario Gomez è già a quota 5 per quanto riguarda le segnature del suo pre campionato e sembra più in forma che mai. Chiaro che il valore degli avversari lascia il tempo che trova ma l’impegno, la voglia e la rabbia agonistica del tedesco sono segnali importanti per il suo possibile riscatto. Il bomber viola è stato inserito, sul sito dell’esperto di mercato Alfredo Pedullà, proprio nel novero di coloro che sono attesi come in procinto di rivincita, insieme a lui anche Quagliarella ed El Shaarawy: “ Il 12 luglio del 2013 Mario Gomez era stato accolto a Firenze come un messia. Contro ogni parere scettico degli addetti ai lavori, il club viola era riuscito a portare in Italia l’ormai ex stellare bomber del Bayern Monaco, facendogli firmare un contratto quadriennale da circa 4 milioni di euro e sborsando per il suo cartellino oltre 20 milioni. Cifre importanti, un segnale chiaro dato alla piazza, l’obiettivo di tornare nell’Europa che conta, potendo fare affidamento anche su Giuseppe Rossi, su un centrocampo di altissima qualità e su un allenatore capace di donare alla propria squadra un gioco spumeggiante e tatticamente ordinato. Gomez più Rossi, un tandem offensivo che avrebbe fatto gola a qualunque club italiano. Poi il 15 settembre ecco il guaio che non ti aspetti: nella gara interna contro il Cagliari il ginocchio destro di Supermario fa crack e lo costringe a stare fuori (almeno così sembrava) tra le sei e le otto settimane. Sappiamo tutti com’è andata a finire, con il centravanti tedesco che è rimasto lontano dai campi praticamente per l’inter stagione e con la Fiorentina che, nel frattempo, ha provato a sopperire in qualche modo anche al grave infortunio rimediato da Pepito. El Shaarawy, Quagliarella, Gomez, i motori sono già caldi: ognuno ha un motivo valido per mostrare alle platee del nostro Paese che il lieto fine esiste per tutti nel mondo del calcio. Ai tifosi di Milan, Torino e Fiorentina già brillano gli occhi: l’uragano che scateneranno i propri beniamini (salvo ulteriori imprevisti) è pronto ad abbattersi sulla penisola italiana…”

© RIPRODUZIONE RISERVATA