Questo sito contribuisce alla audience di

Gomez: “Non sento più il dolore. Dovete avere pazienza con me perché è come se fossi un nuovo arrivato”

GomezGrasshopperE’ appena ritornato Mario Gomez, ma molti tifosi si aspettavano un altro rendimento da parte del giocatore. Il tedesco non ci sta e chiede pazienza a tutti: “Sto bene e la cosa più importante per me è che non sento più il dolore. So che tutti si aspettavano di ritrovarmi subito al massimo in campo. Tutti si aspettavano che sarei entrato e avrei fatto subito due gol, ma mi manca il ritmo. Devo allenarmi e c’è bisogno di avere pazienza. Penso di poter aiutare questa squadra e questa società. Ho fatto poche partite in questa squadra, devo capire come giocano i miei compagni e come gioca la squadra, mi sento come un giocatore nuovo“.

Foto: Paolucci/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Abbiamo pazienza ma vogliamo vedere gente che combatte in campo!

  2. BIBI ha perfettamente ragione questo tipo di punta ha bisogno dei rifornimenti

  3. LUCA (Tifate la maglia viola)

    Dai Mario è giunto il momento della riscossa

  4. Se segna coi gobbi e’ la svolta

  5. Vai Mario il gool arriverà perchè sei un campione

  6. Ho più pazienza per te che per i miei figli, forza Marione!!!!!!

  7. DAI MARIO,,,DIMOSTRA AGLI SCETTICI COME ME,CHE SI SBAGLIANO,NON ASPETTO ALTRO !!!!

  8. Gomez ha detto una cosa sacrosanta, perchè non ha avuto nemmeno il tempo di entrare e conoscere il calcio italiano che si è fatto male ed è stato fermo finora. A tutti gli attaccanti stranieri della storia c’ è voluto tempo per capire come si gioca in Italia e Gomez non l’ha avuto. Ha fatto solo 2,5 partite in A , con due goals, e poi basta. Assurdo criticarlo. Piuttosto pensiamo a come NON gioca la squadra per farlo segnare : Gomez era abituato al 4-2-3-1 , ad avere dietro una mezza punta ( Mueller ) e due esterni ( Robben e Ribery ) mentre oggi si trova da solo, col solo supporto degli esterni che stanno più larghi di quelli del Bayern, in mezzo a due-tre difensori. Con la Lazio, appena è entrato Wolsky e Anderson si è spostato in avanti, anche Gomez è migliorato. Inoltre, i due incontristi del Bayern spesso fermano le ripartenze avversarie a metà campo e rilanciano gli attaccanti, Gomez compreso, mentre noi non abbiamo incontristi ma, al contrario, abbiamo dei grossi problemi sulle ripartenze avversarie. Il problema, quindi, NON è lui, ma è l’impostazione di gioco della squadra, a parte, ovviamente, l’assenza della seconda punta, tal G. Rossi !

  9. Hai scoperto l’acqua calda .. dai marione su con i gobbi a pallettoni carichi ..

  10. Forza Mario!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*