Gomez-Wolfsburg: Via alla trattativa, gli ultimi dettagli. E per la Fiorentina sarebbe la soluzione perfetta

La rabbia di Gomez. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com
La rabbia di Gomez. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

L’anticipazione proveniente dalla Turchia su una trattativa tra Mario Gomez e il Wolfsburg viene confermata, anche se in parte, con il passare delle ore. Il contatto c’è stato e le parti stanno provando a trovare un punto di incontro partendo da un contratto che sarebbe triennale. La parte non confermata è quella relativa ad una presunta offerta da 14 milioni di euro per la Fiorentina. A quella cifra il club viola sicuramente lo farebbe partire, anche perché il contratto del giocatore scade nel 2017. In questo contesto chi rimarrebbe con un pugno di mosche in mano sarebbe il Besiktas, che sta provando in tutti i modi a convincere il tedesco a rimanere in Turchia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. Forza Wolsburg: portaci via Gomez e magari dacci qualche milioncino che ci fa comodo!

  2. Che i tedeschi paghino certe cifre per un giocatore che fra un anno sarà a costo zero mi pare proprio una pia illusione.
    Da vendere comunque a qualunque prezzo, che sarà comunque sempre più vantaggioso dei famosi mille euro dei turchi.

  3. Potete fare a Gomez tutte le lodi che volete. Potete dire che tizio lo vuole, la nazionale tedesca lo vuole (magari lo vuole perché non ha di meglio in quel ruolo preciso: come noi che convochiamo Zaza).
    Ma io ho visto Gomez giocare per un anno e mezzo e devo dire che, al netto di tutte le tare da fare, la difficoltà di ambientamento, il modulo di Montella che lo penalizza, gli infortuni eccetera, c’è qualcosa di inescusabile. Gomez non passava correttamente un pallone a tre metri. Kalinic anche quando non segna mostra di saper giocare. Da Gomez non l’ho mai visto. Faccia pure tutti i gol da due passi che gli pare in Turchia. Non cambio il mio giudizio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*