Gonzalo che ti succede? E la ‘successione’ diventa una corsa a due

gonzalo terza maglia

Non sta certamente attraversando un periodo felice Gonzalo Rodriguez. Il capitano della Fiorentina è stato tra i protagonisti negativi della sconfitta viola a San Siro, umiliato da Icardi, che lo ha messo a terra come un pivellino qualsiasi in occasione del terzo gol ed espulso (ingiustamente) da Damato nel finale del primo tempo. Ora è stato squalificato per un turno, il che non è necessariamente un male, perché gli permette di tirare un po’ il fiato, resettare lasciandosi alle spalle quanto di sbagliato fatto nell’ultimo mese.

La corsa per giocare alle sue spalle è aperta, con Salcedo in pole position e riproposizione del trio visto nel secondo tempo contro l’Inter. Ma anche De Maio, l’alternativa, secondo La Gazzetta dello Sport, si sta allenando molto bene e ha lanciato la sua candidatura per giocare domenica prossima contro il Palermo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 commenti

  1. I sostituti ci sono. Se gonzalo non sta bene è meglio che giochino altri. Gonzalo sta pensando a tutto meno che al campo.

  2. Ha 33 anni ma per un difensore centrale non sono tanti . Penso che abbia un momento di appannamento anche perchè deve giocare sempre . Non abbiamo un sostituto o meglio Sousa pensa di non averlo dato che ha giocato sempre lui .Ora è costretto a sostituirlo e vedremo cosa si inventa

  3. Il tempo passa per tutti.
    Quest’anno Gonzalo ha fatto un montagna di errori!
    Forse è arrivato il momento per cambiare qualcosa in difesa.

  4. Sembra sempre più Dainelli e sempre meno Gonzalo. Stagioni che passano.

  5. Ragazzi, Gonzalo sarà un bravo ragazzo ma non è un fenomeno, ha pregi e difetti. I suoi pregi sono che sa inserirsi in attacco sui calci piazzati, che è abbastanza forte di testa, ha piedi buoni per le ripartenze e per i lanci lunghi ( anche se in questa fase di campionato questa dote si vede poco) e che sa comandare la difesa con personalità e grinta. I difetti sono che non è un marcatore, che spesso perde la visione complessiva dell’ area, frutto di cali di concentrazione o amnesie, chissà?, e non è estremamente veloce per cui ha problemi con attaccanti veloci e tecnici. Se in più ci metti che comincia ad avere quasi 33 anni, si può capire che le sue prestazioni siano inferiori rispetto agli anni precedenti ma alcune sempre a livelli più che accettabili. Un altro anno di contratto facendo anche da balia a chi dovrebbe sostituirlo ( Salcedo, per me) se lo merita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*