Questo sito contribuisce alla audience di

Grassani: “Falso in bilancio? La Fiorentina rischia sanzioni gravi, ma…”

Mattia Grassani, avvocato, a Lady Radio fa il punto sulla situazione della Fiorentina che da ieri ha i suoi dirigenti imputati per falso in bilancio in merito all’anno 2015: “L’imputazione di falso in bilancio? In sostanza verrebbe fuori che la Fiorentina non ha accantonato nessuna somma di risarcimento in favore di Gazzoni Frascara e che soprattutto non ha segnalato tale cifra nei conti dell’anno solare 2015, presentando così incongruenze matematiche di grosso ammontare nei prospetti contabili: i tempi della giustizia per questo caso saranno comunque lunghi. Cosa rischia? Dipende se si parla di piano sportivo o di piano penale: qui il discorso sarà maggiormente articolato sicuramente a livello penale, anche se il reato contestato si è verificato nel 2015 e dunque ci sarà tempo per sanzioni anche gravi. Sul piano sportivo potrebbero esserci delle sanzioni più celeri, date dalla procura federale: qualora però i numeri matematicamente discrepanti non fossero in relazione a un iscrizione a un campionato, le sanzioni dovrebbero essere pecuniarie e soprattutto ridotte”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. IO NON CAPISCO COME SI FA A TIRARE IN BALLO LA FIORENTINA QUANDO ERA LA JUVE DI MOGGI E GIRAUDO E I VERTICI DELLA FEDERCALCIO A CAPO DI UNA ORGANIZZAZIONE CRIMINALE.
    E LA FIORENTINA UNA VITTIMA.
    QUALCOSA NON MI TORNA.
    SALUTI

  2. ma ‘sto gazzoni frascara è ancora vivo?Ma come mai odia così tanto la fiorentina?Prima mi sembra fosse amico di moggi poi va in serie b dopo un finale di campionato orrendo,perde lo spareggio malgrado gli aiutini e sputa veleno contro di noi. Trovategli un posto in qualche manicomio.

  3. io non ho sentito le parole di grassani,ma conoscendolo come esperto di diritto sportivo penso che i concetti espressi siano più aricolati,se poi vuoi salvarti in corner dicendo: BAMBINI A LETTO! impara a rispettare la liberà della rete e soprattutto il rispetto delle opinioni altrui!
    Non stiamo discutendo di libertà della rete. La pensi come vuole, noi siamo molto tranquilli sull’articolo e il nostro lavoro. Un saluto Redazione

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*