Questo sito contribuisce alla audience di

Grassi: “Il nuovo Stadio è interferente con l’aeroporto: un’altra ombra sul progetto della Fiorentina”

Le vicende legate al progetto per il nuovo stadio continuano a tenere banco ed una problematica è sicuramente quella relativa alla compatibilità con l’aeroporto, sottolineata da Tommaso Grassi, capogruppo in Palazzo Vecchio di Firenze Riparte a Sinistra, a ilsitodifirenze.it: “Finalmente siamo riusciti a prender visione delle carte della Fiorentina e abbiamo trovato alcuni problemi: intanto la compatibilità tra l’aeroporto di Firenze e lo stadio, quello che evidenzia anche la stessa Fiorentina è che esiste un alto rischio di interferenza tra le due infrastrutture. Ci vogliono raccontare che gli aerei decolleranno verso Prato per atterrare verso Firenze però i sarà la possibilità di sorvolare la parte di Novoli, per cui la società viola non esclude questa problematica e rispetto al progetto di luglio 2014 ha spostato un po’ lo stadio, allontanandolo dall’aeroporto. Non è escluso però che debba essere fatto uno studio specifico per far rispettare le aree di rischio per cui l’Enac non permette di costruire edifici con tante persone all’interno di un’area vicina all’aeroporto. Il problema è che anche se lo stadio sarà esterno a questa area, tutti gli spazi collaterali potranno essere interferenti con le suddette aree di rischio. E’ un’altra ombra su un progetto che sembra voler essere fatto a tutti i costi. Il Comune deve chiarire questo punto una volta per tutte perché lo stadio deve essere realizzato in piena sicurezza. In tutto questo si dà per scontato che l’area Mercafir verrà completamente liberata dal mercato ortofrutticolo e che questo problema sia già superato, tema che invece non è ancora risolto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

12 commenti

  1. supercannabilover

    ti hanno scongelato dopo quarant’anni?! Dove li vedi i comunisti, forse insieme agli alieni e al famtasma formaggino?

  2. supercannabilover

    Aereporto di Firenze pericoloso da chiudere e quello di pisa ampliato.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*