Grossi guai con la giustizia per un ex attaccante viola

L’ex attaccante di Fiorentina e Palermo Fabrizio Miccoli è stato accusato per estorsione aggravata da metodi mafiosi. Dopo che la procura ne aveva richiesto l’archiviazione del caso, il Gup Fernando Sestito è stato inamovibile affibbiandogli un’ imputazione coatta I fatti risalgono allo scorso 2010, quando il gestore della discoteca Paparazzi di Isola delle Femmine,Andrea Graffagnini, venne minacciato per il recupero di un credito. I soldi sarebbero dovuti essere di un ex fisioterapista del Palermo, che si sarebbe avvalso della complicità di Miccoli per recuperare la somma. L’ex capitano dei rosanero avrebbe quindi contattato Mauro Lauricella, figlio del boss Antonino. Mauro Lauricella è già stato condannato non per estorsione ma per violenza privata aggravata; l’ex giocatore comunque ha continuato a sostenere che non era a conoscenza del rapporto tra i due Lauricella.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Uno, inquanto calciatore è facile che possa ritenere che il figlio di un boss, nn sia un mafioso. Due, ma chi doveva andare a recuperare il credito ? Lui che è un metro e un barattolo ? È talmente basso che ha le ascelle che gli puzzano di piedi

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*