Fiorentina-Sousa clima da guerra fredda. Ci rimettono solo i tifosi

Fiorentina vs Paulo Sousa, una “guerra fredda” che dura ormai da un anno, da quando cioè i Della Valle hanno scelto di non rinforzare una squadra che addirittura si trovava in vetta al campionato italiano. Da allora non solo Sousa ha smesso di sognare ma sembra quasi che abbia smesso pure di essere l’allenatore della Fiorentina. O meglio, è sempre lui a portare avanti gli allenamenti e il programma quotidiano, ma sembra ormai un automa, senza sentimento e senza passione verso chi evidentemente gli ha “tarpato le ali”.

Il rapporto tra società e allenatore è ormai logoro, Sousa è stato trattenuto a Firenze controvoglia, non è più l’allenatore di questa squadra da almeno un anno, ma la società ha fatto valere il contratto tenendosi in casa uno scontento. La vicenda del mercato di gennaio ha lasciato il segno in tutta la rosa e da allora non ci siamo più ripresi.

Sousa nella sua esperienza a Firenze non ha risparmiato frecciatine alla società, forse con l’intento di smuovere le acque di risvegliare l’orgoglio nella proprietà, ma chi lo ha preceduto e si è comportato così ha sempre ottenuto l’effetto contrario: Prandelli chiese rinforzi per riaprire un ciclo e a fine stagione andò in Nazionale, Montella fece un discorso simile dicendo che il gruppo (lo stesso di oggi) era ormai arrivato alla fine del suo percorso e fu accompagnato alla porta. Sousa, infine, l’ha messa sullo stesso piano (forse sperando di essere lasciato libero) e invece è stato trattenuto a Firenze per quella che sembra, come detto dal Corriere dello Sport-Stadio, una permanenza che sa di punizione.

Per fortuna che per il bene della Fiorentina a fine stagione questa vicenda terminerà. Sì, per fortuna, perché in questa guerra fredda tra tecnico e società ci sono andati di mezzo solo i tifosi, tra chi sta con Della Valle e chi sta con Sousa, intanto però il ‘Franchi’ si è svuotato portando l’attenzione fuori dal campo. Questa assurda vicenda ha allontanato i tifosi dalla Fiorentina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

24 commenti

  1. Società, dirigenti, allenatore e giocatori, sembra che facciano a gara. … a chi la fà più grossa!
    E chi vince? Di sicuro noi tifosi che continuamo a credere e a difendere ora questo, ora quello o quell’altro!.

  2. Il punto di svolta sarà la formazione di lunedi sera. Se Sousa continuerà a mettere giocatori fuori ruolo sarà provocazione pura e se perderà sarà cacciato a furor di popolo.

  3. “Il Dubbio”, ti faccio notare che l’ultima volta che ha giocato De Maio, s’è preso 3 pippoli a domicilio dal Genoa.
    Saponara è un ragazzotto che in un clima “elettrico” come questo, è bene che rimanga con il profilo più basso possibile.
    Lo sai vero cosa succede se questo gioca 2 partite sbagliate ? Da salvatore della patria, diventa bidone di mercato in un batter d’occhio.
    Siccome nn mi pare giusto, è bene che lunedì giochino gli stessi di giovedì e dimostrino che hanno gli attributi.

  4. Marco (#dellavalleale#)

    Darioneviola, si può dire lo stesso dei tifosi. Con Pontello guerra fredda, con cecchi gori guerra fredda, con della valle guerra fredda. Speriamo arrivi Zamparini…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*