Guidi: “Diakhaté alterna partite ottime ad errori ma nessuno in Italia ha un ’98 in rosa. Noi decisivi per farlo restare coi piedi per terra”

Diakhate

Diakhate

Abdou Diakhaté è ancora tenuto stretto da Sousa, che se lo sta portando a giro nella sua prima estate alla guida della Fiorentina. Il giovane centrocampista classe ’98 ha avuto anche modo di affrontare i campionissimi del Psg, confermando i suoi ottimi colpi. A Radio Bruno il suo vecchio, ma anche prossimo, allenatore Federico Guidi ne ha parlato, confermando la responsabilità sua e del suo staff per farlo crescere ancora: “E’ un prospetto importante, ha talento e non a caso un ’98 penso che nessuno in Italia lo abbia nella propria rosa. Questo fa capire le sue potenzialità, ha ampissimi margini di miglioramento. Non dimentichiamo che lui è veramente poco tempo che affronta partite di calcio a 11 perché quando è arrivato, dopo essere stato reclutato, ci ha subito colpito per la sua predisposizione e le giocate, che a volte esaltano le sue qualità ma a volte ne evidenziano qualche punto debole. Alterna giocate di altissimo livello, con prestazioni positive, ad altre di livello più basso perché non azzecca il tipo di giocata adatta. Però questa sua spavalderia e sicurezza nell’azzardare le giocate, sia con i piccoli che con i grandi, ne fa un giocatore di grande interesse. Rischio di montarsi la testa? Il rischio ci può anche essere, però dobbiamo essere molto responsabili noi allenatori e dirigenti perché non è un ritiro che vale una carriera dal calciatore professionista o da craque di livello mondiale. Questa deve essere un’esperienza di crescita per lui. Io sarò molto responsabile, quando il mister deciderà di farlo tornare a giocare con noi in Primavera, a farlo restare con i piedi per terra perché il suo processo di crescita non è finito, ma è appena iniziato”.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. Quando gli scade i contratto a questo.?

  2. Sarebbe meglio non farlo giocare troppo specialmente all’estero, questi ce lo portano via.

  3. Luca tifa la maglia

    Fosse in una strisciata gia’ varrebbe 30 milioni

  4. ragazzi qui si sta parlando di un super campione. Paulo Sosa deve inserirlo nella rosa della prima squadra e avere il coraggio, ogni tanto, di farlo giocare. Noi tifosi lo aspetteremo non sarà bruciato prima. Secondo me vale un Pogba se non meglio. Forza Diahatè non ti montare la testa e con umiltà gioca nella prima squadra. Io lo farei giocare fisso nel girone di Europa League. Sarà lui il futuro padrone del centrocampo Viola. Alois

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*