Guidi: “Oggi un approccio eccezionale, non ci aspettavamo questa classifica. Gondo merita soddisfazioni e ora tocca a…”

Guidi

Logicamente molto soddisfatto del successo dei suoi ragazzi sulla Pro Vercelli, il tecnico della Primavera Federico Guidi: “Siamo contenti per la prestazione perché oggi la squadra ha espresso in campo i concetti su cui lavoriamo settimanalmente. Quando succede questo non c’è soddisfazione più grande per un allenatore. Penso che la squadra abbia approcciato in modo eccezionale la partita. Siamo andati sopra di due gol nel giro di mezz’ora. Abbiamo avuto anche una grande occasione con Andy sbagliando però il rigore, prendendo la traversa e poi ciò che noi stiamo battendo molto è sul fatto di rientrare in campo con lo stesso atteggiamento e la stessa mentalità con cui giochiamo il primo tempo. Oggi sono soddisfatto di questo perché i ragazzi mi hanno dato un segnale tangibile su ciò che ci eravamo detti; è stato un motivo di crescita perché lo hanno messo in campo e quando si ottengono prestazioni del genere siamo tutti contenti e soddisfatti. Il nostro obiettivo è quello di far crescere ogni nostro singolo. Sapevamo che molti di loro sono giovanissimi che provenivano dagli Allievi e in molti sono del ’99. Trovato è il frutto di questa crescita: faccio i complimenti a lui perchè si sta dimostrando durante la settimana di meritarsi un buon minutaggio e oggi infatti ha risposto “presente”. Secondo me abbiamo fatto un girone d’andata eccezionale e nessuno pensava che a dicembre potessimo esser in questa posizione e poter commentare una classifica del genere. Anche oggi all’ultima partita del girone d’andata i ragazzi hanno espresso un gran gioco. Gondo? Si l’ho sentito, è stata un’emozione fortissima. E’ stato bravissimo il mister a metterlo in campo tra i titolari e lui era felicissimo di questa cosa. Non è scontato per un ’96. L’ho sentito dopo il gol, era soddisfatto, lo cercava davvero. Gli ho detto di continuare a lavorare come sta facendo perché stiamo parlando di un grandissimo professionista, un ragazzo sensibilissimo che si merita queste soddisfazioni. Qualche giocatore da cui mi aspetto di più nel 2016? Noi ci aspettiamo tanto da tutti. Chiediamo un pò di più a chi si avvia a concludere l’esperienza Primavera. Tutti i ’97 come Bangu, Minelli, Chiesa, Diakhatè… devono esser pronti anche alle possibili chiamate in prima squadra. Da loro ci aspettiamo tantissimo”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA