Guidi: “Oggi un bel dominio ma Diakhaté deve imparare a controllarsi. Capezzi e Fazzi mi hanno emozionato”

guidi 2

Questo il commento di Federico Guidi a fine partita: “Siamo molto contenti perché la squadra ha voluto la vittoria e penso che l’abbia meritata nettamente per quanto costruito. E’ stato un dominio dal punto delle occasioni, non abbiamo mai rischiato. In pià siamo soddisfatti perché siamo arrivati all’ultima giornata a giocarci l’accesso diretto alle finali, che sarebbe fantastico. Prepareremo l’ultima gara come una finale e poi vedremo se saranno play-off o final eight. Nervosismo post gol? La partita era in ttolare controll oe invece di gestire ci siamo fatti prenddere dalla foga, al di fuori delle nostre caratteristiche che riguardano il controllo della palla e non l’aggressività. Nel percorso di crescita questi errori ci possono stare ma dobbiamo migliorare in vista delle prossime partite che saranno pià impegnative. Diakhaté? Si è innerovsito perché l’hanno beccato dal primo all’ultimo minuto e lui è un altro di quelli che deve imparare da questo punto di vista perché ha le attenzioni di tutti addosso. Deve mantenere la testa fredda e migliorare, è stato espulso per qualche parola di troppo, mi ha fatto davvero arrabbiare. Tanti assenti? Ero molto soddisfatto durante la partita perché siamo riusciti ad interpretare la partita pur senza tanti titolari. Caso-Trovato davanti, Maistro a centrocampo hanno fatto vedere l’ottimo lavoro che fanno durante la settimana. Nella gestione quest’anno penso di essere cresciuto perché mi sono trovato a fronteggiare tante assenze, inventando anche qualche novità. Rammarico per la stagione? Quando il campionato è così in equilibrio è normale avere qualche rimpianto, siamo arrivati all’ultima giornata due punti dalla Virtus Entella per cui qualche partita la troveremmo in cui potevamo fare punti in più. Non abbiamo saputo gestire bene il doppio fronte con la Coppa Italia, perché molte partite le abbiamo perse dopo aver giocato il mercoledì. Capezzi-Fazzi? Li ho sentiti subito via messaggio e mi trovo un po’ emozionato perché mi hanno scritto una risposta bellissima. Non c’è vittoria più bella per un allenatore che vedere i propri ragazzi, io li ho cresciuti dai Giovanissimi B agli Allievi Nazionali, raggiungere questi traguardi. Mi hanno reso davvero orgoglioso di averli allenati”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*