Guidi: “Sono arrabbiato ma anche orgoglioso dei miei, che meritavano il pari. Makarov eccezionale, Mlakar era malconcio”

Commenta così il tecnico della Primavera, Federico Guidi, la sconfitta contro la Juventus nell’andata delle semifinali di Coppa Italia: “Rabbia ce n’è perché sul campo i ragazzi hanno offerto prestazione ottima, abbiamo sfiorato i pareggi oche sarebbe stato il risultato più giusto. C’è anche consapevolezza perché contro una squadre di grande qualità come la Juve, la squadra ha messo in campo un’ottima prestazione. Sono orgoglioso dei ragazzi, purtroppo usciamo sconfitti ma andremo a giocarcela a Torino, senza niente da perdere. Stanchezza? Abbiamo approcciato la partita con intensità violenta, la Juventus ha sofferto e nel secondo tempo. Era fisiologico che lo pagassimo nel finale di partita, essendo giovani abbiamo avuto delle letture sbagliate che potevano costarci il secondo gol, che avrebbe compromesso la qualificazione. Invece siamo ancora in partita, manca il secondo tempo a Torino. Quando si affrontano Fiorentina e Juventus i dettagli sono sempre decisivi, al ritorno deciderà la qualità, individuale e collettiva; se riusciamo a rimanere squadra potremo creare tante occasioni. Devo fare i complimenti e Audero, che ha fatto un intervento incredibile su Chiesa. Abbiamo colpito anche un traversa, noi dobbiamo creare, poi i palloni andranno dentro. Mlakar e Makarov? Purtroppo Mlakar aveva un fastidio al ginocchio, sabato non era nemmeno convocato. Penso abbia comunque svolto un lavoro importante, su un’occasione è stato bravo il portieire, sull’altra ha preso la traversa. Minelli era febbricitante ed anche lui non al massimo ma lo abbiamo rischiato perché la sola presenza crea difficoltà all’avversario. Makarov è stato eccezionale a tenerci in partita, con tre interventi molto belli. Diakhaté? Oggi ha offerto una bellissima prestazione, ha giocato con grande intensità. Ha calciato una punizione di cui non era incaricato ma solo perché aveva voglia di incidere sul risultato, questo comunque fa piacere. Fiorentina e Juve sullo stesso livello? Non pensavo di essere a questo livello anche perché la Juventus ha fatto tantissimi investimenti, è al limite d’età. Ai nastri di partenza loro, l’Inter, la Roma e il Milan erano le candidate alla vittoria finale mentre noi abbiamo fatto la scelta di mandare tutti i ’96 a giocare, ringiovanendo la rosa. Non pensavo che tra noi e loro regnasse l’equilibrio”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. roberto novoli

    Ma se il portiere è stato il migliore dei nostri come si poteva pensare di pareggiare……misteri del calcio e i numeri sono fotografi eccezionali: con la Juve 2 partite 2 sconfitte. Probabilmente sono migliori dei nostri….

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*