Hagi-Chiesa: vietato giudicare dalla copertina

Hanno due cognomi pesanti Federico e Ianis, figli di Enrico e Gheorghe: due calciatori tra i più talentuosi del calcio europeo degli anni ’90. Solo uno dei due ha giocato in maglia viola ma i pargoli di entrambi si sono ritrovati proprio a Firenze: uno classe ’97, l’altro classe ’98. Chiesa ed Hagi rappresentano due delle speranze più fulgide della Fiorentina in questo ritiro in Val di Fassa: vietato però, sottolinea Repubblica, farsi condizionare dal cognome pesante. Il talento c’è sicuramente visto che entrambi sono oltretutto anche parte delle rappresentative nazionali dei rispettivi paesi, il dna logicamente è più che valido: Firenze li aspetta, con calma, sperando che possano ripetere almeno in parte quanto fatto dai propri padri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Non posso che concordare con S69.

  2. S69,può sembrare strano, ma su questo siamo in totale accordo!

  3. D’estate tutti per far giocare i giovani, ma io ricordo bene, quest’inverno, al buon Bernardeschi (di fatto alla stagione d’esordio) dopo le prime gare storte, ne avete dette di tutti i colori “ha la donna bona”, “si è montato la testa”, “nn vale nulla” ecc ecc. È talmente scarso, che dopo una stagione di serie A (la scorsa fra infortuni e problemi, nn ha mai giocato) è andato agli Europei. Se volete i giovani, sosteneteli anche quando sbagliano 2/3 partite

  4. chi è bravo deve giocare anche a 18 anni.Solo in italia si fa i discorsi tipo:bisogna farli maturare senno si bruciano.
    Che stronzate.Un ragazzo di 18 anni lo tempri non lo bruci di certo!

  5. Se loro dimostreranno voglia di apprendere, si impegneranno non pensando di essere già arrivati, come sembra dia successo a Diakatè, non vedo perché non possano andare in campo. Con questa storia che non sono pronti, mentre in altri paesi li mettono in campo e vai, rischiamo di rovinarsi davvero. Hanno scelto di fare i calciatori di lavoro, se non sono pronti a 19 anni, come Chiesa, quando sono pronti? Siamo noi come paese che dobbiamo cambiare mentalità. Ad majora.

  6. Se non sbaglio Hagi ha 17 anni quindi forse sara’ pronto tra tre anni!

  7. Concordo. L’anno scorso per “creare entusiasmo”, i soliti noti soloni della stampa cittadina, fecero di Dyachitè una specie di fenomeno. Ricordo commenti tipo “Sousa nn deve farlo giocare nella tournée americana contro le Big d’Europa, perché il ragazzo è senza contratto e potrebbero portarcelo via”. Questi due ragazzi hanno talento, sarà il mister a giudicare se è quando impiegarli, ma aspettarsi che quest’anno siano pronti, sarebbe fargli un torto

  8. Hanno tutti e due bisogno di tempo ma che bello vedere Chiesa, così simile in campo al babbo. Stesso modo di difendere il pallone a testa bassa, tiro secco, grinta. Mi è piaciuto molto in questa prima apparizione in maglia viola. Enrico era un cacampione fa parte della storia viola. Una bella storia.

  9. Dubito fortemente che giochino in prima squadra quest’anno

  10. Secondo me li vedremo tra un paio di anni, dubito che li porteranno in prima squadra da subito

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*