Questo sito contribuisce alla audience di

Hagi esplode: prima il super gol e poi scatta la polemica

Primavera avanti per 1-0 sul Chievo, grazie a un gran gol di Ianis Hagi: a far rumore però, oltre alla giocata del rumeno, è la reazione polemica dopo il tiro. Il centrocampista classe ’98 si è rivolto alla tribuna con le braccia aperte, quasi a zittire il pubblico. Il figlio d’arte sta vivendo decisamente un momento difficile, perché Pioli ancora non gli ha dato spazio e l’unico canale di sfogo è quello con i coetanei della Primavera, decisamente più indietro però dal punto di vista dello sviluppo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

15 commenti

  1. supercannabilover

    Il dubbio.. invece di fare battutine sul nick informati te lo ripeto. Wolski non lo hai mai visto giocare e continui a sostenere il nulla cosmico che hai nel cervello

  2. Molti dicono che ha bisogno di andare a giocare!! Che vada: se a 19 anni compiuti non fa la differenza nemmeno in primavera allora i dubbi giustamente montano!!!! Se a questo si somma che già due allenatori lo hanno bocciato senza se e senza ma allora…….

  3. VIOLA, con cosa vorresti riflettere? Non hai proprio gli strumenti per farlo mi sembra. Quanto alla nazionale di Wolski se a 25 anni compiuti aver fatto 125 minuti in nazionale per te è significativo vuol dire che ti devi cambiare nick: SUPER CANNABIS è meglio. In ogni caso se non sapete leggere ve lo spiego: Wolski ed Hagi sono giocatori dalle qualità tecniche superiori alla media ma il problema è che non sono artisti circensi ma DOVREBBERO essere giocatori di calcio. In più Hagi è anche un presuntuoso figlio i papà. Ora vi è chiaro?

  4. Supercannabilover

    Anche perche’ Wolski dopo che e’ stato venduto tempo un anno ed ha conquistato la nazionale. Molti scrivono senza informarsi.

  5. Ho seguito per bene molti commenti su argomento Hagi e sono rimasto impressionato da ” il dubbio ” …
    Nei suoi commenti mai una cosa saggia, mai qualcosa da farti riflettere, solo queste parole: Hagi e Wolski… Niente altro.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*