Questo sito contribuisce alla audience di

Nardella fa breccia, Della Valle colpiti

In attesa che domani lo faccia la Fiorentina a Verona, è toccato ad altri attori viola scendere in campo. Mettendo dei punti fermi sul presente-futuro del club. Come scrive La Gazzetta dello Sport Ieri mattina, infatti, il sindaco di Firenze Dario Nardella, accompagnato dall’Assessore allo Sport Andrea Vannucci si è presentato a casa Della Valle, nel quartier generale Tod’s nelle Marche. Visita programmata e al contempo segreta quella dei vertici delle istituzioni cittadine. Molti, infatti, erano gli argomenti caldi da affrontare, parlando direttamente con i proprietari del club viola. Gesto, quello del sindaco, particolarmente apprezzato dalla famiglia Della Valle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

19 commenti

  1. Quanti gufi cavolo , meglio starvi lontano ,

  2. Magari voleva un paio di orribili mocassini a pallini! E basta.

  3. Peccato non aver cambiato canale …

  4. Siamo arrivati ad una situazione simile ad un film…le autorità (nardella) portano la valigia con i soldi (lo stadio) al cattivo (della valle) per liberare l’ostaggio (la Fiorentina). Di solito nei film arriva l’eroe, questa però è la realtà. La cosa più bella è leggere che alcuni sono d’accordo con il “cattivo”…leccavalle e renziani: il peggio di due mondi.

  5. che ancora i leccavalle non abbiano capito che a questi gli interessa solo ed esclusivamente i soldi e niente della fiorentina bohhh

  6. verissimo “federico”, un ammasso di parolai…..

  7. Complimenti, sei il visitatore n.
    1.000.000. Non è uno scherzo! Hai vinto uno stadio, un sindaco e un telecomando.

  8. Alessandro, Toscana

    Il vero tifoso viola è antidellavalliano, memo! Ed il fatti che Nardella sia andato li, significa che qualcosa bolle in pentola! Speriamo sia la vendita della Viola!!!!

  9. sulla costruzione dello stadio ci ha fatto la campagna elettorale prima quel ridicolo di Renzi. .poi nardella..ora di nuovo nardella..appena rieletto lo stadio non se ne parla più…..che paese di …..

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*