I (non) cambiamenti di Paulo

L'allenatore Paulo Sousa in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Negli ultimi giorni i discorsi sui (presunti) cambiamenti di Paulo Sousa si sono sprecati: il portoghese ha ammesso di non sognare più come fatto durante i primi mesi della scorsa stagione, ma di essere diventato più realista anche a causa delle scelte della società. Fuori dal campo, quindi, Sousa potrà essere anche cambiato in qualche aspetto, ma dentro al campo il portoghese è sempre il solito leone che urla, sbraita, incita e dà indicazioni per tutta la partita. In tal senso, l’episodio più clamoroso è la sfuriata nei confronti di Carlos Sanchez contro il Cagliari dopo aver subito il secondo gol in pochi minuti allo stesso modo. E anche a Bologna, in vantaggio per 1-0 e con un uomo in più, Sousa non ha smesso un secondo di incitare i suoi, come un martello pneumatico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. I rapporti che ha con la società dicono che non siano buoni …e comunque non sarebbe il primo ad avere dei problemi..poi si spera che il gioco migliori e che si facciano tanti punti ma secondo me quest’anno non si va più in là di un ottavo nono posto..FORZA VIOLA

  2. Queste cose i nostri cari tifosetti della domenica purtroppo non le vedono. Ciò che vedono è l’immagine della persona permalosa che mette in campo moduli random cosi per far inc…e la tifoseria. Poi però si arrabbia e sbraita ogni secondo della partita. Mi pare chiaro, sbagliare a posta moduli per poi arrabbiarsi. Che geni questi tifosi, che tattica ! Ma perchè non c’ho pensato prima !

  3. Sousa deve essere sempre così. Lo vogliamo combattivo e che creda nella vittoria e in tutti i suoi uomini.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*