Questo sito contribuisce alla audience di

I TRE CHE STANNO FACENDO LA FORTUNA DI MONTELLA (E DI NETO)

BasantaGuingamp2Se scendono in campo il Buono, il Brutto, il Cattivo per gli avversari sono dolori. Presidiano l’area come un fortino. Si intendono con un’occhiata. Anticipano, recuperano, rinviano. E se per caso un “nemico” sfugge al controllo, affondano il tackle con coraggio, precisione e scelta di tempo. Da quando Montella ha piazzato quei tre davanti a Neto, l’attività per il portiere si è drasticamente ridimensionata. Soltanto contro il Verona la nuova linea Maginot viola è stata perforata dal guizzante Nico Lopez. Poi a secco gli attaccanti del Cagliari (che hanno comunque aiutato ed esaltato i nostri difensori con errori grossolani). E a bocca asciutta anche quelli, per il blasone assai più temibili, della Juventus. Llorente non è mai riuscito ad esibire i suoi micidiali colpi di testa. Coman ha capito subito l’andazzo e ha girato alla larga. L’apache Tevez (assai più brutto del Brutto), entrato sul finale, si è mantenuto prudentemente in disparte: niente sfide all’Ok Corrall. Quei tre meglio non farli arrabbiare.
Il nuovo trio difensivo viola acquista sicurezza di partita in partita. Si consolida, si fortifica, si coordina. Sulle prestazioni del Buono, il Brutto, il Cattivo la Fiorentina sta costruendo la sua risalita in classifica. Ora vi chiederete come accoppiare i tre difensori viola ai personaggi del celebre film western del 1966, con la regia del grande Sergio Leone. Potrei dire che Basanta ha qualcosa di Clint Eastwood (il Buono). O che Savic ricorda un po’ lo sguardo intriso di perfidia di Lee Van Cleef (il Cattivo). Ma sono certo che le ammiratrici di Gonzalo non mi passerebbero mai l’accostamento con Eli Wallach (il Brutto). Così lascio a voi la scelta. Il Buono, il Brutto, il Cattivo: i tre pistoleros dell’area viola.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

23 commenti

  1. Prima o poi ci chiariremo anche sul vero valore di Marin e Richard e forse vedremo Kurtic giocare nel suo vero ruolo, perché in quello ha giocato solo la prima partita con gol annesso.

  2. CE N’E’ VOLUTO DI TEMPO PER VEDERE UNA DIFESA A TRE CON SAVIC RODRIGUEZ E BASANTA (SOLUZIONE PIU’ OVVIA VISTO CHE BASANTA è UN TITOLARE NELL’ARGENTINA FINALISTA AI MONDIALI) MA ALLA FINE CI SIAMO RIUSCITI A CAPIRLO. MONTELLA BRAVO ALLENATORE MA A VOLTE FA DELLE FORMAZIONI TALMENTE SBAGLIATE CHE SEMBRA CHE LO FACCIA APPOSTA!!! E ORA AVANTI CON VARGAS AL POSTO DI ALONSO VEDIAMO QUANTE ALTRE PARTITE DOBBIAMO ASPETTARE!!!!!

  3. Ricordiamoci che a destra nei tre avremmo anche un certo Richards che salta ottimamente di testa, è un armadio ed è velocissimo nel breve.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*