Il 4-3-3 il “diktat” di Paulo Sousa per ripartire. Vecino e Badelj tasselli fondamentali, ma…

La Fiorentina si prepara ad iniziare la nuova stagione con un cambio di modulo: il 4-3-3 sarà il pane quotidiano di Paulo Sousa.  Un modulo che necessita sia di spinta sulle fasce, di freschezza nel reparto avanzato, ma soprattutto di quantità e qualità nel reparto di centrocampo. Vecino, Badelj e Borja Valero sono i tasselli da cui ripartire. Sui primi due si parla molto in chiave mercato, su Vecino sono vigili Napoli e Roma, mentre sul croato non mancano offerte da Bundesliga e Premier League. Vedremo come si risolverà la loro situazione e come il mister portoghese vorrà organizzare la sua mediana, che necessita sicuramente di essere ampliata, specialmente dal punto di vista della quantità, un centrocampista abile in interdizione sarebbe importante, nomi caldi sono quelli di Badu dell’Udinese e Rincon del Genoa, calciatori di corsa e gamba, ma che non disdegnano l’inserimento offensivo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. B. Valero indolente? Ma che partite guardano questi? La Lega Pro? Andate a quel paese, magari ne avessimo altri due o tre indolenti come lui……..!

  2. Badelj (che a me piace come calciatore)nel 4/3/3 mi pare una boiata. Poi sicuramente il giornalista sarà più competente di me,ma a me pare lo stesso una boiata. Se giochi con i 3 di centrocampo,e vuoi che le due mezz’ali si propongano e si inseriscono in avanti,il centrale dei tre deve obbligatoriamente essere forte difensivamente,scattante,veloce e che picchi duro anche a scapito della tecnica pura. Altrimenti il mediano fa il regista(come Badelj appunto),detta i tempi,imposta e costruisce,ma allora almeno uno,meglio se entrambe le mezz’ali,devono essere propense a correre come cavalli E a incidere meno in avanti,per coprire eventuali buche difensive (come fatto da Vecino per tutta la stagione,fuor che all’ultima di campionato). Altrimenti ogni volta che perdiamo palla in attacco,Badelj,che non ha doti di incontrista ne velocità di recupero,sarà saltato come un birillo(come si è visto durante tutto l’anno). Insomma se Sousa vuole Vecino e Borja interni di centrocampo che appoggino anche l’azione offensiva,il mediano deve essere uno alla Dunga,Naingollan,Beppe Iachini,Oriali,Badu,Diawara,Krikowiak,anche Stambouli o Medel ma non Badelj o Pizarro o Pirlo. Oppure il centromediano lo fa uno di questi ultimi tre che ho scritto e allora avrai un gran regista basso ma le mezze ali devono essere come Vidal o Allan o giocatori simili.
    Analisi senza dubbio giusta. In un 4/3/3 Badelj è più forzato e meno a suo agio. Il suo ruolo ideale è quello di mediano in un centrocampo a due. A 3 può giocare davanti alla difesa con due gran corridori, e Vecino può andare, ma Borja Valero non è adatto. Serve un centrocampista forte fisicamente e con buon piede, alla Rincon per esempio, che corra tanto ma non disdegni l’impostazione. Attualmente però, il centrocampo della Fiorentina è costituito da questi calciatori e Badelj con ogni probabilità sarebbe titolare. La sua partenza comunque non è ancora esclusa. Saluti, Redazione.

  3. Quoto Cisko 73:Valero inutile e dannoso per l’esempio di giocatore indolente e molliccio che trasmette agli altri.SFV

  4. Se si puntasse veramente sul 4-3-3 e/o 4-2-3-1 (oltre il famoso 3-4-2-1) e gli obiettivi della prossima stagione fossero:
    – 3 posto
    – Un trofeo tra Coppa Italia ed Europa League

    Allora B.VALERO, M.BADELJ e M.VECINO non si dovrebbero muovere da Firenze a meno di offerte folli!
    Ed a questi dovrebbero essere aggiunti altri 2 centrocampisti o almeno uno importante!

  5. Prenderei Badu di corsa e manderei via Valero che è molle e mai incisivo.
    Sarebbe un affare.

  6. È la fiera del tutto e del contrario di tutto dello scrivere a prescindere tanto più notizie pubblichi e più crescono le possibilità di beccarne almeno una. E sará cosi fino alla fine del mercato. Bàhhhhh!!!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*