Questo sito contribuisce alla audience di

Il Bilancio è sano: ora possiamo tornare a fare Calcio?

L’assemblea dei soci dell’altro ieri ha certificato e confermato, per l’ennesima volta, la bontà della gestione economica da parte della Fiorentina: ricavi in aumento e un indebitamento di 8 milioni circa, che rappresenta veramente un’inezia a fronte dei numeri che girano nel calcio. La lunga, e ultimamente sfrenata, opera di risanamento si è andata esaurendo da quell’estate 2013, con l’arrivo di Gomez che aveva scombinato un po’ tutti i piani, specialmente per il rendimento sfortunato e deludente del tedesco. In sostanza sul campo quello sforzo non aveva pagato e la proprietà viola ne aveva risentito fortemente: non è un caso se da  in avanti il tetto ingaggi della Fiorentina sia calato progressivamente, così come il valore della rosa e di conseguenza anche i risultati sul campo. Risolta questa incombenza, potrebbe essere forse ora il momento di tornare a pensare la gestione non solo in senso finanziario ma anche sportivo-calcistico: già a partire dalla prossima estate, sarà indicativo il tipo di mercato che Corvino farà e soprattutto i poteri d’azione che il dg viola si vedrà concessi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

13 commenti

  1. supercannabilover

    Tranquillo tifoso, tra premi CL e plusvalenze avevano gia’ incassato abbastanza. Comunque ormai son passati anni, se parliamo ancora di loro per giustificare la politica dei dv allora smettiamo di fantastocare su quarto o sesto posto e accontentiamoci di tifare Viola

  2. e sarebbe anche l’ora di tornare a fare calcio!!

  3. Marco dellavalleale tanto x ricordarti l affare Mario Gómez fu tirato avanti proprio dai DV perché era una acquisto dal forte potenziale mediatico (ma non tecnico ) tutto questo a discapito del buon Macia che presento l opportunità di prendere David Villa a parametro 0 (un giocatore che sarebbe rientrato alla perfezione nel meccanismo di Montella ) é colpa sempre dei tifosi anche questa o dei tuoi amici Della Valle che pensano ed esclusivamente al lato pubblicità plusvalenza?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*