Questo sito contribuisce alla audience di

Il Chiesa ‘bambino’: spensieratezza e ambizione

Federico Chiesa in primo piano. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Un tranquillo pomeriggio di festa. Una giornata in “famiglia”, all’insegna della serenità. Questo si respirava, ieri, intorno alla Fiorentina. Non erano in molti, al Franchi. Anche perché la tifoseria organizzata non s’è fatta vedere. Circa cinquecento. Forse qualcosa di più. Uomini, donne, bambini. Soprattutto, bambini. Sorridenti, felici, probabilmente emozionati. Del resto, per loro, poter vedere i giocatori è evento più unico che raro. Hanno applaudito, incitato, e i più fortunati, al termine dell’allenamento, si sono portati a casa pure un pallone. Gli altri, comunque, si sono potuti consolare con un autografo. Con un protagonista assoluto: Federico Chiesa. Come scrive La Repubblica, il talento viola è stato l’ultimo ad abbandonare il Franchi e, senza fare una piega, ha “speso” diversi minuti nel tentativo di accontentare tutti. Selfie, firme, abbracci. Sempre e comunque con un sorriso grande così stampato sul volto. È lui l’anima della Fiorentina. Dentro, e fuori dal campo. Bastava guardarlo. Anche durante l’allenamento. Ride, scherza, esulta come un matto se la squadra segna un gol in partitella ma, allo stesso modo, si arrabbia di brutto per un tiro sbagliato. Sembra di vedere uno di quei bambini. Semplicemente felice di giocare a pallone. La rappresentazione pratica di quello spirito che Pioli vorrebbe sempre vedere da parte dei suoi. Spensierati, ma ambiziosi. Sereni, ma allo stesso tempo “cattivi”. Non come a Crotone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Concentrazione e testa, altro che spensieratezza.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*