Questo sito contribuisce alla audience di

Il comune destino di Fiorentina ed Amburgo

Dopo le semifinali di Champions ed Europa League, il quarto posto dell’Italia nel ranking Uefa per nazioni (59.981 punti) è rimasto immutato vista l’eliminazione del Milan nei quarti della competizione più prestigiosa. Per fortuna l’eliminazione dello Sporting Lisbona in semifinale non avvicina il Portogallo (55.346), la Francia è sempre sesta (54.178), mentre la Germania al terzo è sempre più irraggiungibile (75.019, +1.500) e lo sarà per i prossimi anni (per quattro anni l’Italia non potrà riportare una sua quarta squadra in Champions). Menomale che la Russia, settima in graduatoria, posizione che fa perdere un posto in Champions a favore di uno in Europa, dopo gli ottavi di finale di Champions e Europa League non ha più squadre restando così sempre 47.832. La Fiorentina è sempre al 30esimo posto con 62.996, posizione con la quale chiuderà la stagione, ma che con una proiezione attuale scivolerebbe al 45esimo posto nel 2013, anche se non servirà visto che i viola si stanno allontanando solo ora dalle sabbie mobili della retrocessione. C’è poi un curioso destino che lega l’Amburgo coi gigliati: a -4 giornate dalla fine dei rispettivi campionati, i tedeschi (24esimi nel ranking), ora a 35 punti sono a soli +5 dallo spareggio retrocessione (previsto per la terzultima) in Bundesliga 2, mentre la Fiorentina, con 41, è a +6 dalla terzultima.

© RIPRODUZIONE RISERVATA