Il crollo della difesa al “Franchi”: il clean sheet manca da una vita

L’avvio di stagione della Fiorentina proponeva grossi problemi sotto porta ma una difesa discretamente affidabile, almeno in casa: le prime quattro uscite avevano prodotto il cosiddetto “clean sheet” alla squadra viola, cioè la porta imbattuta. Da lì invece un filotto negativo di sette gare, tutte con almeno un pallone raccolto dai portieri gigliati in fondo al sacco. Ed anche in trasferta non è che sia andata meglio: nelle ultime dieci partite, solo a Verona la Fiorentina non ha incassato reti. Per ritrovare l’ultima occasione a porta inviolata al “Franchi” bisogna tornare addirittura allo scorso 16 ottobre, nella sfida con l’Atalanta. Un trend da cambiare obbligatoriamente, già da stasera.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

2 commenti

  1. onora il padre

    Clean sheet….. certo, da un tocco di cultura!

  2. Sportiello da subito titolare..Diversamente sarebbe inspiegabile il suo arrivo già a gennaio… Se Sousa continua a dar fiducia alla mediocrità fatta persona in Tatarasanu è da esonero immediato!…Gonzalo da rivedere: se non si impegna come a Roma panchina fino a fine stagione.. La società sul suo mancato rinnovo ha torto marcio tuttavia non può far finta niente …Non si accorge che Gonzalo indispettito si comporta da non professionista

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*