Il Crotone punta il dito: “La Fiorentina non voleva riprendere la partita”. La scarsa convinzione di Sousa

Paulo Sousa non è entrato nello specifico fino in fondo, ma se c’era una persona poco convinta di riprendere la partita ieri sera era proprio il tecnico portoghese. Dalla sponda Crotone emerge una versione univoca su quanto accaduto dopo la sospensione decretata da Gavillucci: “La Fiorentina non voleva riprendere la partita”. Il perché è anche facile da spiegare: un campo pesante avrebbe sicuramente danneggiato la squadra più tecnica e favorito invece chi era arrivato a Firenze con l’intento primario di salvare la pellaccia e la faccia. Alla fine ha vinto la linea crotonese, quella di giocare la gara, anche perché, è bene dirlo, le condizioni per giocare c’erano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

10 commenti

  1. Sousa ha creato un clima da alibi e i giocatori ne hanno approfittato.

  2. Scusate commentatori ma ora avete pisciato fuori dal vaso. E’ NORMALE che la squadra più tecnica cerchi la condizione più adatta per ottimizzare le proprie caratteristiche cosi come il Crotone ha cercato e ottenuto la condizione ottimale per poter giocare.

    Mi pare legittimo da parte della squadra poter rinviare la partita in un campo alluvionato cosi come aveva chiesto Sousa. Quello su cui invece avete ragione è la ridicolezza del gioco proposto dalla Fiorentina tolta la scusante campo fradicio a partire soprattutto dal secondo tempo quando il campo poteva essere più accessibile, anche se non ancora ideale.

  3. Ma i versi che faceva il portiere del Crotone ad ogni sopralluogo li avete visti?Ma stiamo scherzando?Non faceva altro che scuotere il capo e rivolgendosi all’arbitro mimava il gesto che la palla non rotolava…Ma fatela finita per favore

  4. Hanno tirato una volta in porta … il goal è venuto in modo fortunoso addirittura colpendo il pallone da sotto le gambe di Gonzalo Rodriguez .
    Nonostante un campo mooolto pesante x colpa della pioggia la Viola dall inizio alla fine ha giocato cercando di superare la loro difesa fatta da 9/10 giocatori quasi sempre nella loro metà campo.
    Ma allora di cosa stiamo parlando …. ha ragione SOUSA quando dice che è andato tutto a loro favore, si giocava a porta Romana.
    Come diceva il grande Totò …. Ma mi faccia il piacere vaia vaia vaia vaia

  5. X la Sig.ra Sandra, che la partita quando l’arbitro la ripresa era sicuramente giocabile, che poi mi dice che quando l’arbitro l’ha interrotta i giocatori Viola se ne stavano già andando prima di prendere qualche decisione, beh, il campo in effetti in quel momento era veramente una piscina, poi si sa’ che ognuno tira l’acqua (in questo caso è proprio il caso di dirlo) al proprio mulino, forse se il Crotone aveva perso avrebbero detto che la partita andava rinviata, funziona così

  6. Ahahah macché questione tecnica, i nostri non volevano giocare perché sennò si bagnavano.
    Sono l’emblema della totale mancanza di grinta e ambizione.
    Quando devono giocare sembrano ragazzini del Liceo che accampano scuse per rimandare l’interrogazione di greco.

  7. Fracazzo da Velletri

    I fighetti viola non si sporcano,.Tello e Berna sudati e infangati!!!sporcarsi i capelli!!!!!!proprio come Sousa e il suo staff!! !

  8. Parliamo di professionisti… ma ci rendiamo conto della gravità di queste affermazioni peraltro veritiere dei crotonesi? Quando l’arbitro ha interrotto la partita i nostri giocatori se ne stavano andando ancora prima di capire cosa decideva Gavillucci. RIDICOLI!!

  9. Nel secondo tempo il campo era perfetto e tutti i palleggiatore eccelsi della Fiorentina potevano tessere le famose trame di gioco dettate dal loro grande allenatore in panchina…io penso che alla vergogna non ci sia limite

  10. A chi ragiona così bisognerebbe rinviargli lo stipendio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*