Questo sito contribuisce alla audience di

Il doppio incontro del procuratore di Vecino con un chiaro obiettivo

Prima la Fiorentina, poi l’Inter. E’ stata una serata intensa quella del procuratore di Matias Vecino, Alessandro Lucci. Il doppio incontro aveva un chiaro obiettivo: velocizzare il più possibile il passaggio del centrocampista da Firenze a Milano sponda nerazzurra. Per completare il trasferimento l’Inter dovrà pagare la clausola rescissoria prevista sul contratto dell’uruguaiano, da 24 milioni di euro, che scadrà il 10 agosto prossimo. Resta il nodo da sciogliere delle rate per il pagamento di tale cifra.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

8 commenti

  1. Il problema è che l’Inter vorrebbe pagare in almeno tre rate, evidentemente per problemi legati al bilancio e per far risultare le altre rate nel bilancio del prossimo anno……… non siamo gli unici che guardano il bilancio, tranne quelle 5/6 Società che possono fare quello che vogliono e spendere 222 milioni per Neymar, le altre devono rimanere in riga…..

  2. Siamo l’assurdo non solo ha una clausola bassa ma bisogna anche aspettare i cazzi dell’Inter.

  3. O pagano la clausola così com’è o è l’ennesima presa per il xxxx di questa società/proprietà di buffoni.

  4. Crederanno anche con Vecino, come per tutte le altre cessioni dove a decidere le cifre e le modalità di pagamento è sempre stato chi compra

  5. Mi pare che la seconda è entro fine dicembre p.v. o sbaglio?

  6. basta sconti, noi bisogna pagare subito e gli altri? basta passare da bischeri, farsi rispettare.

  7. A me sembrano cose da pazzi, se la clausola rescissoria è di 24 milioni, pagabili in due rate, dove sta il problema? Al monemto della firma del contratto fra le parti paghi la prima rata, l’altra, presumo a distanza di un anno se non vi sono descritti tempi più brevi….anche per le cose semplici ci vogliono settimane di colloqui….

  8. credo che INDA abbia problemi con le fideiussioni

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*