Questo sito contribuisce alla audience di

Il gap azzerato tra Genoa e Fiorentina: Preziosi intanto accetta l’offerta

A proposito di società in vendita, dato che a Firenze se ne parla ormai con una certa insistenza, il Genoa sembra essere decisamente ad un punto più avanzato ed anzi il patron Enrico Preziosi (in corsa a suo tempo anche per acquisire la stessa Fiorentina) ha annunciato a Telenord di aver accettato la proposta di Gallazzi: “Ho accettato l’offerta che mi è stata fatta. Il tempo per cedere la società è scaduto, l’accordo decade venerdì: dentro o fuori. Non è una questione di soldi. Se l’operazione non andrà in porto, svelerò le carte. Non si può proseguire oltre. Se non si chiude, ho bisogno di riprendere in mano le redini della società. Non ci sto a questa posizione di classifica. Auspico che tutto si concluda in senso positivo”. C’è nell’aria anche una sorta di ultimatum da parte del patron rossoblu, che il suo Genoa lo valuta circa 130 milioni, una cifra che Il Sole 24 Ore attribuiva anche alla stessa Fiorentina, dopo i 200 milioni inizialmente pretesi dai Della Valle.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 commenti

  1. Alberto viola club roma

    A tutti i leccavalle voglio chiedere chi conosce Gallazzi, se rileva il genoa sarà su tutti i giornali per chissà quanti anni con vantaggi economici per le sue aziende che nessuno oggi conosce.
    Ecco perché i DV non vendono,spese zero con l’ autofinanziamento e pubblicità a non finire.
    Altro che rimetterci.

  2. Non c’è peggior cieco di chi non vuol vedere.

  3. Il nostro valore è uguale al Genoa Sassuolo udinese Cagliari questa è la triste realtà chi verrà dopo farà meglio perché in 15 non abbiamo vinto una cippa è stata la gestione peggiore della Fiorentina calcio basta andare indietro negli anni e ogni 7/8 si vinceva qualcosa ora nebbia . E non venitemi a dire che Cecchi giri ci ha fatto fallire , l hanno voluto far fallire i vari Berlusconi è compagnia cantanti . Speriamo che la vendino velocemente così torna la passione che qui oramai è sparita.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*