Il lavoro sporco ma prezioso di Kalinic

Kalinic Milan

Kalinic Milan

L’intenzione almeno momentanea di Paulo Sousa era quella di provare Kalinic e Babacar insieme, quando, al posto di Giuseppe Rossi, nella partita di ieri al Franchi contro il Genoa, è entrato in campo per i viola proprio l’ex attaccante del Dnipro. Poi però l’espulsione di Badelj ha cambiato le carte in tavola: Baba è uscito e il centravanti croato è stato dunque chiamato a fare reparto da solo, compito che gli è riuscito molto bene grazie al fisico e alla corsa che gli consentono di proteggere il pallone e tenerlo, almeno per qualche prezioso minuto, lontano dalla area di rigore dei viola. Il suo è stato un lavoro sporco ma prezioso e l’impressione è quella che un giocatore come Kalinic farà molto comodo a Paulo Sousa nel corso di una stagione che si prospetta lunghissima. Rimane la curiosità di vederlo per più tempo al fianco di Babacar per formare un attacco più “pesante”, anche se l’impressione è quella che Nikola saprà farsi trovare pronto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

22 commenti

  1. Uno dei punti di forza di Sousa è che tiene tutti sulla corda. La rotazione è positiva

  2. questo è una forza della natura e bisogna dare a Cesare ciò che è di Cesare quindi bravi a chi lo ha preso e scelto. Non avrà gonfiato la rete, ma i palloni che ha recuperato e tenuto per far salire e respirare la squadra sono stati da vero trascinatore e uomo squadra. Quando inizierà a segnare si sbloccherà definitivamente e ne vedremo delle belle, grande Kalinic!

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*