Questo sito contribuisce alla audience di

IL NUOVO STADIO? HA UN ELEVATO VALORE STRATEGICO

Le parole del vicepresidente della Fiorentina, Gino Salica, sono state di una franchezza unica e questo gli va riconosciuto. Del resto Salica ha una storia sotto questo profilo immacolata, fin dal suo arrivo a Firenze. Così, tra tante cose su cui ci sarebbe da ridire, prendiamo con piacere invece il discorso fatto sul nuovo Stadio che dovrebbe sorgere nell’area Mercafir. “Con il Comune la Fiorentina onorerà gli impegni” ha detto il manager di fiducia dei Della Valle, che in concreto e nell’immediato significa presentazione del progetto definitivo entro la fine dell’anno.

Ma perché c’è molta attenzione sul fronte nuovo stadio? La nuova casa della Fiorentina, con annessi e connessi, ha un elevato valore strategico, diretto ed indiretto. Diretto perché porterebbe sicuramente benefici alla squadra e al club in senso lato, indiretto perché consentirebbe agli attuali proprietari di poter vendere la società ad un prezzo indubbiamente più elevato. Per i più disattenti ricordiamo una cosa, confermata tra l’altro sempre da Salica in persona: la Fiorentina era in vendita e lo è attualmente. L’estate che è quasi finita non ha cambiato le convinzioni dei Della Valle espresse prima di persona (il famoso “passo indietro” di Andrea Della Valle) e poi tramite un comunicato qualche mese fa.

“Puntiamo ad avere una squadra più giovane e una società più appetibile per l’eventuale acquirente e per gli stessi Della Valle” questo uno dei passaggi più significativi del Salica-pensiero e avere uno stadio di proprietà, benché per il momento solo sulla carta, è un qualcosa che rende la Fiorentina certamente più appetibile.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

60 commenti

  1. Caro ” Si ch’io fui Sesto tra cotanto senno”@
    Corvino aziendalista SI ,ma tagliatore di teste. Di nuovo in disaccordo totale.
    Mi permetto una battuta : vedi troppi film americani e per amore dell’argomento ti chiedo di accettare per pochi minuti l’ipotesi di parlare di un’altra qualsiasi azienda. Bene ( grazie per lo sforzo) In più di una occasione ( prima del passo indietro ) furono dichiarate anche dallo stesso Corvino. Le strategie aziendali.
    Ridimensionamento dei costi. Italianizzazione della rosa, ringiovanimento della stessa, potenziamento del settore giovanile, mantenere una certa competitiva. Questi senza dubbio sono gli obiettivi operativi consegnati a Corvino, che gli ha eseguito per adesso benissimo , vendendo bene , acquistando un numero elevato di giocatori italiani e no giovanissimi, giovani e maturi ,abbassando ulteriormente i costi degli ingaggi . È da vedere ( questo lo giudicheremo alla fine del campionato) se sarà riuscito anche a mantenere una certa competivita’ . Quest’ultimo obiettivo resta la vera scommessa di Corvino D.T. Veniamo al tagliatore di teste che a tuo dire ,il buon Corvino avrebbe fatto con gioia. Premesso che I tagliatori di teste così come gli descrivi tu non esistono. Qua è legge lo statuto dei lavoratori e licenziare non è così facile, figurati tagliare le teste, ma questa feroce figura dovrebbe sbolognare ( uso questo termine di proposito) i riottosi o gli esuberi che non possono o vogliono andarsene. A questo punto Lui (secondo una certa idealistica letteratura ) interviene con cipiglio e in barba ai sentimentalismi taglia . Ma alla Fiorentina le cose sono andate in modo diverso . Tutti coloro che se ne sono andati lo hanno fatto di buon grado volontariamente e anche a costo di compiacenti certificati medici. Nessuno è stato costretto ; chi dice il contrario è in mala fede. Anzi uno è stato costretto a chiedere la cessione Tomovic . Sai bene chi lo ha costretto con boati di fischi. Ora puoi riprendere la tua autonomia ti sciolgo dall’assunto . Parliamo della Fiorentina ovviamente libero di dissentire. Sulla base dei miei studi e della mia esperienza ti ho trascritto (controvoglia perché ho capito che queste cose tu le sai) l’ A B C di come si imposta l’attività annuale di una azienda privata di un certo valore ; come si arriva alla definizione e assegnazione ( mansionari) delle strategie prima ( compito esclusivo del CdA ) e degli obiettivi dopo e come SOLO le tattiche siano affidate (dalle Job ) ai direttori ciascuno secondo gli ambiti operativi concernete la carica che dirigono.
    Tu non tieni in nessuna considerazione ciò ; ipotizzando che nella Fiorentina le cose vadano diversamente e che Corvino non fosse il DT ma un malvagio e incapace mercenario che si sarebbe dilettato a tagliare teste contro la volontà degli azionisti e del CdA.
    È a mio giudizio una forzatura dettata da motivazioni da ricercare nell’ideologia o nel provincialismo. Ti leggerò sicuramente è volentieri in merito, ma con questo intervento chiudo la nostra chiacchierata sull’argomenti : vendita della società e sui DV . Hai diritto a pensarla come vuoi visto che lo fai in modo urbano e corretto . Su Corvino invece ,se lo vorremmo , possiamo tornare, ma dopo , quando i fatti confermeranno o no le previsioni di molti e le responsabilità del Corvo non saranno più delle previsioni ma delle certezze . Ora io provocatoriamente faccio un pronostico : faremo meglio dell’anno scorso , arriveremo fra i primi 6 e qualche giovane snobbato dai contro, farà ricredere diversi. Lo stadio tornerà a riempirsi ai livelli pre tafazzismo e la società sarà venduta non prima del prossimo campionato. Ed ora fammi , ti prego , le tue previsioni , insomma parliamo di calcio. Ad maiora semper .

  2. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    @i’m Bored
    Ciao.
    Sono in sintonia completa sull’analisi resa in valore assoluto sui DV .
    Mi permetto solo di fare un’aggiunta personale .
    Assimilo un proprietario di una squadra di calcio ad un politico.
    Prima o poi qualcuno ti presenta il conto a fronte di promesse non mantenute.
    Con la differenza che il cittadino medio quando si comporta da tifoso é più ” mordace ” nei confronti del suo presidente rispetto al politico. …..
    Ma passiamo a Corvino.
    Tu lo definisci aziendalista e miglior definizione non potevi usare .
    Peccato che Corvino oggi in Fiorentina sia stato assunto e poi confermato nel ruolo di tagliatore di teste e non come direttore sportivo.
    A Corvino i DV hanno chiesto espressamente questo lavoro è lui di buon grado ha accettato.
    Infatti ha preso chi guadagnava più di 1.2 milioni e l’ha venduto. ..solo con Baba non c’è riuscito.
    Al loro posto sono entrati TUTTI giocatori da 1.1 milioni in giù.
    Forse un Sartori che non è un tagliatore di teste ma un vero DS non è stato nemmeno interpellato nel momento in cui c’era da scegliere chi al posto di Prade’.
    Quindi si è giusto definire Corvino aziendalista.
    Solo il tempo ci dirà se questa squadra sarà capace di fare un punto in più rispetto a quella smembrata.
    Nel calcio si vince e si lotta per fare meglio rispetto all’anno precedente. ..anche un punto in più è sufficiente.
    Dubito onestamente che questi giocatori siano in grado di farlo .
    Ma Corvino ha operato come tagliatore di teste e non come DS. ..quindi è tornato per vincere. ..peccato che l’obiettivo fosse una rivoluzione atta a contenere i costi e se possibile acquisire un avanzo di cassa.
    Si indubbiamente il buon Corvino ha vinto centrando l’obiettivo che il CDA gli ha imposto.
    Per quello che valgono le mie parole ti rendo onore per le analisi che fai e per il modo in cui interagisci, forse a volte ti abbandoni a commenti dissacranti. ..ma c’è di peggio.
    Sei un ” nemico ” con il quale trovo piacevole il confronto.
    A presto

  3. Caro ” Si ch’io fui Sesto tra cotanto sennò.”
    Scusami ma ho avuto qualche problema a risponderti a causa degli intrecci ed è possibile abbia fatto confusione. Ma veniamo a noi . Non controbatterò la tua opinione sui DV perché oggi , a meno di improbabili ripensamenti , non mi interessano più . Venderanno prima o poi e nessuno li costringerà ( visto il regime di democrazia ) a non fare solo il loro legittimi interessi economici. Dissento e chiarisco solo su un punto : se i DV ritengono che i poteri forti …….ecc. perché non parlano apertamente ? . Dai caro amico non sei mica nato ieri ; queste cose non si fanno e sai bene il perché . Sono i in assoluto disaccordo con te anche e soprattutto su Corvino. A meno che tu ritenga che essere aziendalista non è la metà massima che un dirigente (PRIVATO non PUBBLICO) deve tendere per fare bene il suo lavoro ; il tuo giudizio è errato. In ogni società il C.D. Che ha ricevuto dagli azionisti orientamenti strategici, appronta , Discute e approva un BusinessPlan , che poi delega i vari Dirigenti perché lo realizzino nel loro settore di competenza al massimo delle loro capacità . I Dirigenti sono considerati all’altezza del compito solo se raggiungono i loro obiettivi pena una probabile dismissione ( Prade’ ?) . La presidenza può decidere di informare altri (stampa , collaboratori ed altri) delle strategie di massima . Nel mondo delle società di calcio si preferisce parlare di ” progetto”. (Ovviamente questo è il metodo che mi hanno insegnato all’università e che ho vissuto,e,praticato durante la mia lunga carriera; è anche vero che non è un obbligo e che tutte le società seguano questo
    Iter ) . Ora tu per quel,che ne so non fai parte del CDA della FIORENTINA e non dovresti conoscere gli obiettivi dettati a Corvino e quindi parli con logiche tue ,da ignorante ( ti prego non fraintendere ) e che non tengono conto del fattore chiave e indiscutibile ” la società è in vendita ” . Il subitaneo rinnovo del contratto a Corvino dopo la chiusura del mercato la dice lunga su come e quanto la proprietà abbia apprezzato il suo operato. La lealtà di un dirigente DEVE essere in primis verso chi lo paga, per questo io dico bravo Corvino che Teoricamente potrebbe non approvare la strategia aziendale e come si fa ( raramente ) in questi così ,dare le dimissioni . A Corvino è stata data delega totale sulla Tattica e Lui l’ha realizzata alla grande privilegiando l’aspetto economico ,italianizzando e ringiovanendo l’organico sportivo ( obiettivi strategici ricevuti e non di sua competenza ) . È vero Corvino 14 mesi fa’ dichiaro Che era tornato per vincere e tu lo bolli anzitempo come Bugiardoti , ma dimmi : non ne è nel frattempo passata acqua sotto o ponti dell’Arno? non è accaduto niente di inimmaginabile allora ? E sei proprio sicuro che ,perdurando la permanenza a Firenze di Corvino , non riusciremo a vincere niente ? Io non sono ottimista ma non ho certezze. Ho finito.

    @ S69 . @ Non ho nessun fonte , ma chi mi da suggerimenti e la logica elementare noche il buon senso. Se i DV vendessero prima del definitivo no al progetto (costato svariati milioni ) sarebbero degli insensati o dei dilettanti alle prime armi cosa questa difficile da credere.
    A risentirVi con piacere .

  4. Tutti a tremare come se senza i foulardati mocassinati non vi fosse domani …

  5. Sì ch'io fui sesto tra cotanto senno

    @s69
    Ciao amico e grazie del tuo intervento

    @i’mBored

    Ciao e scusa il ritardo con il quale ti rispondo. ..figurati che attendevo un tuo cenno in un altro articolo dove ci siamo confrontati in precedenza .
    Personalmente critico i DV e l’operato dei loro dipendenti per la serie ininterrotta di PROMESSE BUGIE e PROCLAMI che hanno divulgato nel tempo .
    A me interessa che la Fiorentina nella sua totalità, quindi il proprietario e la squadra, diano sempre il 101 % delle loro possibilità. Non chiedo che il proprietario vada in rovina per il giocattolo Fiorentina ( io al suo posto non lo farei mai ) , chiedo però che mi dica sempre la verità e che sia lui il primo ad essere orgoglioso di quello che possiede.
    Beh onestamente verità ed orgoglio nei confronti della Fiorentina non albergano in Cognigni né tantomeno in Diego Della Valle.
    I DV mi ricattano dal punto di vista sportivo, se non ottengono quello che è nei loro desiderata allora si portano via il pallone con il quale tutti stavamo giocando in piazza.
    Personalmente, come ho già avuto modo di postare, ben venga lo stadio e la CITTADELLA con alberghi negozi e tutto quanto possa far bene alla crescita della squadra di calcio.
    Seguendo le regole ovviamente.
    Se i DV ritengono che i poteri forti della città ( politica , i massoni , le lobbies ) ostacolino il loro progetto edilizio perché non parlano apertamente?
    Concludo, altrimenti dovrei scrivere per ore , tornando al lato sportivo….se così si può dire !
    Non la pensi come me , questo è chiaro , ma non per questo viene meno il rispetto nei tuoi confronti o la voglia di leggerti; perdonami @i’m Bored ma dare fiducia all’operato di Corvino quando ha svuotato totalmente una squadra per il solo obiettivo economico. ..è fare ancora calcio?
    Dai fiducia ad un uomo che quando è ritornato a Firenze ha dichiarato. ..” sono tornato per vincere ” … vedi che si ritorna al mio PROMESSE BUGIE e PROCLAMI.
    Spero quanto prima di leggere la tua replica, per me è sempre un piacere ….anche se non la pensiamo allo stesso modo .

  6. Una città famosa è importante come Firenze con una squadra la nostra Viola magari nn al livello dei grandi top club meriterebbe di essere rappresentata nn dalla Famiglia Della Valle ma da persone degne della città di Firenze. Loro sono bravi a fare le scarpe bene statevene nelle Marche e venite a Firenze solo x vedere i vostri negozi. Altro da Firenze nn potete chiedere ormai siete alla frutta. Vendete la società a d un prezzo equo e amici come prima . Prima lo fate e prima Firenze e la Fiorentina cominceranno a respirare un po’ d’aria sana.

  7. Bored, demente no, ma un po confuso si.
    Può avere un fondamento di verità la tua elecubrazione sul fatto che si pole dare credito a spifferi e voci che magari di concreto hanno poco, ma poi tummi crolli sul finale avallando il concetto che questi aspettino l’ok per la cittadella per vendere. Sei sicuro ? Ki telo ha detto ?
    Come vedi nn c’è nulla di certo se nn il fatto che nonostante mille chiacchera e discorsi fatti (da loro in primis) questi son sempre qui.
    Scusa se ti ho risposto al posto di “si cg’io fui”

  8. Caro ” Si ch’io fui Sesto tra cotanto senno”@
    Si leggono sempre più spesso dichiarazioni amenissime su convinzioni più o meno condivisibili. Si comincia con I DV che per vendere la vogliono 250 milioni come se esistesse una dichiarazione ufficiale dei DV . Si prosegue poi : sono due anni che i DV vogliono vendere . Cosa possibilissima ma perché non tre o quattro oppure addirittura da subito se vendere fosse stato conveniente ? Altri invece ,non vende per colpa dei tifosi ma , perché hanno capito ( non si dice quando) che la Cittadella non si farà mai . Beh ! se così fosse hanno ragione o torto ? visto che vari politici si sono impegnati con loro per la realizzazione di questo progetto la cui importanza sarebbe senza uguali per una città come Firenze abituata solo a ritocchi ? E questo studio è costato quanti milioni ? Altri ancora ideologicamente con astio ……vogliano fare la Cittadella per fare
    Una speculazione edilizia ; ma di nuovo sarebbe questa una operazione da condannare o da auspicare ? Alcuni sono convinti che la parola stessa “speculazione ” sia una iattura , perché legata al concetto = la,proprietà è un furto. Sempre sullo stesso piano sono quelli che citano i pareri di giocatori, centometristi ex allenatori o canottieri di successo che , come capita in questi casi, esprimono pareti con autorevolezza anche su temi a loro ignoti ( Socrate docet) e vengono citati come oracoli certi di ciò che deve accadere o accadrà. Poi c’è il problema delle “fonti ” sui si dice : l’ho sentito io stesso in comune da due vigili ; un mio amico di Milano che conosce bene Moratti mi ha confidato che .. e così via; Poi : ma quanto vogliono i DV . Tutti : troppo. – 50 è il giusto, fino a 100 si può trattare , più di 150 no allora vorrebbe dire che non vogliono vendere, ci sono signori studi fatti da chi sa’, che dicono il vero valore è : 40-100-150 ecc. inoltre si deve citare l’unanime e farneticante giudizio su Corvino e Cognigni ; eufemisticamente cito solo ” inadatti” infine perché NON SE NE PUÒ PIÙ , i pronostici : si va in B , si lotta per la B ,se va benissimo dalla parte dx della classifica . Come si fa ha non sbellicarsi dal ridere ? Un mio amico che segue qui da Milano queste demenze mi chiede spesso sconcertato se stiamo assistendo al film Qualcuno volo,sul nido del cuculo o cosa ? Io stizzito poi che intervengo a vanvera per rintuzzare qualcuno dei partecipante al gioco degli imbecilli. Lo faccio quando , a me pare, essere difronte a opinioni chiaramente errati su basi di mala fede o manifestamente errati per ignoranza . Sono ,lo ripeto , un tifoso Viola e ho molte volte difeso l’operato dei Proprietari perché lo ritenevo inevitabile e nell’interesse della squadra Viola. Sono dispiaciuto della decisone che hanno preso, ma,me ne sono fatto una ragione . Anch’io aspetto con ansia che la questione venga risolta al meglio, ma so,anche che fino a Dicembre ( speriamo) con l’assegnazione dei lavori per la Cittadella niente è certo neanche sulle chances della nostra amata Viola . Qui sono relativamente ottimista e nonostante il parere categorico dei TAFAZZIANI io ho fiducia in Corvino . Sono anche io un demente ?

  9. Stefano, che ti piaccia o no in questi anni di offerte ne hanno ricevute: sempre respinte.
    Max, a me di pigliare l’acqua nn mene è mai fregato un tubo. Ho invece il fondato sospetto (certezza) che tu lavori nell’edilizia e che il tuo interesse per la mega speculazione edilizia sia di tipo professionale. Tuttavia ti faccio notare che sia le ristrutturazioni allo stadio che il centro sportivo, li hanno fatto fare a ditte loro, marchigiane, presumo che qualora mai l’operazione andasse a boccino, penso che te resteresti a boccasciutta, quindi il tuo perorare la loro causa, magari nn vale la pena.

  10. Marcello(Marcello Vanni)

    Una volta Firenze era famosa per il senso della misura ( leggi senso della realtà) oggi molto meno e una città come fu detto già anni fa EVIRATA in teoria potrebbe con la propria storia e con la ricchezza d arte e cultura essere una Delle città vetrina del mondo in pratica è una città piccola chiusa che ha perso molto l evento per cui Firenze sta più ha lungo sui media . Sono da anni le sfilate di Pitti,la mostra del artigianato, realtà come la Crusca o l opificio Delle pietre dure? No la Leopolda… anche nel calcio chi è più presente sui media Lazio Torino O Fiorentina e non. Parlo di Roma Napoli e strisciate e guardate che il Toro ci ha letto quasi sempre la targa siamo trattati al livello del Toro, Bologna,Genovesi il tale è il ritorno che la viola DA pensate solo la presenza continua della Lazio in T.V non solo di programmi sportivi ma generali quella è tutta pubblicità che la Fiorentina e di conseguenza i proprietari si sognano

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*