Questo sito contribuisce alla audience di

Il nuovo tesoro di casa Fiorentina

Federico Chiesa in una fase di gioco. Foto: Luca Fanfani /Fiorentinanews.com

Una crescita graduale e costante che lo ha portato ad essere ad un livello davvero sorprendente. C’è da lustrarsi gli occhi davanti a quanto sta facendo Federico Chiesa. Dopo aver realizzato il suo primo gol con la maglia viola in terra azera, contro il Qarabag, l’esterno della Fiorentina ha fatto vedere contro il Sassuolo di possedere grandi colpi. Dribbiling, assist e tiro (potente) in porta. E quando parte in velocità ricorda davvero moltissimo la postura del padre Enrico, che è stato un grande campione durante la sua era. E’ lui il nuovo tesoro, da tenere stretto, anzi strettissimo per il futuro di casa Fiorentina e piano, piano, le profezie di Paulo Sousa nei suoi confronti si stanno avverando.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

4 commenti

  1. A me ricorda Dirk Kuyt, per aggressività, resistenza, e anche tecnica, magari non eccelsa ma buona, non ha il suo fisico, ma ha un potenziale Duracell non indifferente. Sousa ha avuto ragione a dire quello che ha detto.

  2. Ciao Cisko, to leggo sempre con interesse, e concordo con i tuoi giudizi, però su Maxi e Cristoforo ci andrei cauto. Primo sono arrivati adesso è devono capire il calcio europeo e italiano, sempre complicato per un difensore Alonso docet, e poi perché sono uruguagi, un marchio si fabbrica indelebile. Ad majora

  3. Questo ragazzo deve rimanere fisso in squadra,parlo di Chiesa naturalmente.

  4. Naturalmente Cisko lo scrisse dal ritiro di Moena dopo averlo visto giocare 3 minuti.
    Chiesa non è una sorpresa: fa rima ed è la verità.
    (Ed è avvenuto ciò che predico da tempo: Tello a sinistra è piu pericoloso. Se aggiusta la mira farà regolarmente gol).
    Cosi come ho scritto dopo 3 minuti che tra i nuovi arrivati soltanto Milic può essere degno di giocare (Salcedo vale ne piu ne meno di Roncaglia; Maxi Oliveira è vergognoso; Cristoforo è inadeguato; Toledo dimenticatevelo).

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*