IL PARADOSSO CHIAMATO FIORENTINA. MA CON ALVAREZ E’ ROBA DA RIMBECILLIRE

La Fiorentina ha giocato tre partite in serie contro Cagliari, Crotone e Bologna, davvero male ed è riuscita a fare bottino pieno in queste tre gare. Ha alzato molto il livello invece con la Sampdoria, specialmente nel secondo tempo, quando ha costruito quattro palle da gol nitide, è andata a segno due volte e ha colpito due pali. Eppure è tornata a casa avendo ottenuto un solo punto. Una squadra paradossale in questo senso, che ha vissuto una stagione tra alti e bassi degni della miglior montagna russa del mondo.

Dicevamo di Genova, probabilmente nei secondi 45 minuti di gioco abbiamo visto la miglior Fiorentina del 2017, quando Sousa ha deciso di lasciar fuori il fardello Ilicic, che non solo non ha fatto nulla nella prima frazione ma che toglieva anche spazio a Tello, per una volta ispiratissimo, andando ad allargarsi inutilmente verso la destra. Così ne ha giovato tutta la squadra che, se avesse avuto fin da subito uno stantuffo come Chiesa dall’altra parta, invece di un inutile Milic, probabilmente avrebbe messo in maggiore difficoltà i blucerchiati.

Ma quello che è successo con Alvarez è roba da rimbecillire. L’ex interista è davvero un mistero, uno che fatica come un matto ad imporsi a Genova. E nell’ultimo anno solare ha realizzato solamente due reti. Provate un po’ ad indovinare a chi? Se avete risposto Fiorentina avete dato la risposta esatta al quesito. In questo senso la propensione viola a fare beneficenza verso chi è in difficoltà viene confermata una volta di più, anche se in questo caso, il buon Ricky farebbe bene a spedire una bella cassa di vino all’indirizzo di Tatarusanu che gli ha dato davvero una grande mano nella circostanza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

14 commenti

  1. Siamo una società barzelletta e quindi gli aneddoti si sprecano. A genova abbiamo dominato raccogliendo un misero punto. Nel caso Alvarez non solo ha sbagliato il primo movimento che da altre parti gli sarebbe arrivato addosso un difensore a murarlo, poi tira fuori un tiraccio nell’unico punto dove avrebbe potuto e dove era ben piazzato il portiere (sempre barzelletta) che ha detto al pallone “prego si accomodi in porta”. Poi il nero si magia il gol vittoria con il portiere a terra lui gli tira addosso (i pochi neuroni girano a vuoto nella testa). Non parlo degli “ic” del primo tempo, due inconcludenti dannosi e girovaghi per il campo: uno l’unica cosa che sa fare è passare la palla all’indietro o al compagno di lato (posto che sia al massimo a due metri di distanza) e l’altro si chiede sempre in campo: ma io che ci sto a fare il un campo di calcio?
    Ma il mago Sousa vuole sempre cominciare con loro a meno che non sia il contadino panzone ad imporglielo come suggerisce qualcuno (li deve rivendere alla faccia dei risultati),. Come si vede tutta una barzelletta!

  2. Per s69.Io vado ancora piu’ indietro nel tempo,vado addirittura agli anni 60.Nel Vicenza giocava un certo Fusaro:questi,per due partite entrambe a Firenze,segno’ al 36′ minuto della ripresa nelle due partite.E’ incredibile come un giocatore,non propriamente goleardor abbia segnato due volte alla stessa squadra,in due partite diverse,ma soprattutto allo stesso minuto.E sempre in trasferta.

  3. Ho consultato mia moglie che di mestiere fa la maestra e mi ha confermato che hai ragione tu. Quel “non” è indispensabile (pensa che ce lo avevo messo e poi mi sono corretto!).
    Ti chiedo scusa per la critica eccessiva, ma quando non parli bene della Fiorentina (squadra) mi offendo e “sbrocco” un po’. Quando passo per Firenze, per farmi perdonare, vorrei offrirti una stupenda Fiortentina (chianina) in quel di Fiesole o a Piazzale Michelangelo.
    Continuerò a leggerti anche se non sarò sempre d’accordo con te.
    Ricordati che ogni promessa è debito. Un saluto S.D.C.

  4. Questo pezzo dimostra che, pur girando tutto l’universo mondo, si troverebbe un giornalista incompetente quanto il nostro Stefano Del Corona. La vera FIORENTINA non è una squadra di calcio!
    Non avevo ancora ricevuto il messaggio di critica costruttiva da parte sua in questa settimana e stavo in pensiero. Ora finalmente mi sento meglio. Un saluto e buona giornata S.D.C.
    PS: Immagino per che manchi un “non” tra “mondo” “e si troverebbe”

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*