Il paradosso viola

image

Avere tanti giocatori con le rispettive Nazionali è sicuramente motivo di vanto per un club ma quel che è successo, e molto probabilmente succederà, con i difensori della Fiorentina rischia di diventare paradossale. Sono stati convocati dalle rispettive selezioni praticamente tutti i difensori viola (Tatarusanu, Gonzalo, Roncaglia, Tomovic e Pasqual), con Paulo Sousa che è rimasto un settimana con i soli Astori, Bagadur e Alonso. Rispetto agli altri reparti la difesa è senza dubbio il reparto con meno alternative e il fatto di possedere due giocatori sudamericani nelle retrovie farà sì che Roncaglia e Gonzalo si potranno allenare solamente un giorno e mezzo prima della partita di sabato, con il rischio che questa cosa accada anche durante le prossime pause per gli impegni delle Nazionali. Pochi e oltretutto bravi (almeno per i rispettivi CT). Per i difensori viola si prospetta una prima parte di stagione complicata, ricca di impegni e trasferte con la Fiorentina che si trova nel bel mezzo di questa situazione paradossale: spiacevole ma che al contempo riempie d’orgoglio la società che ha investito su difensori tenuti in considerazione dalle rispettive Federazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA