Questo sito contribuisce alla audience di

Il passo in avanti per il nuovo STADIO. Ma Unipol non cambia strada e mette i bastoni tra le ruote di Fiorentina e Comune

Nelle carte urbanistiche ufficiali di Palazzo Vecchio l’area di Castello cambia volto secondo la direzione ormai annunciata da tempo: non più la previsione di una mega colata di cemento di case, uffici e negozi ma di un’area con un mix di direzionale privato, parco e studentati che possa però accogliere anche il nuovo mercato ortofrutticolo, la Mercafir di Novoli. E in attesa del progetto definitivo della Fiorentina ecco che ci troviamo di fronte ad un altro, teorico passo avanti per l’operazione stadio. A proposito di progetto definitivo, verosimilmente arriverà una richiesta di proroga da parte della società viola (sei mesi?) che verrà accolta dal Comune. 

Ma cosa farà Unipol, proprietaria dei terreni di Castello? La Repubblica scrive che la compagnia assicurativa ha sempre detto di no a tutto e lo farà pure stavolta andando al Tar, visto che quella del Comune è di fatto una decisione unilaterale di modifica delle previsioni urbanistiche sull’area. Unipol è un enorme convitato di pietra da anni e continua a sfuggire ad accordi e intese. Stavolta Palazzo Vecchio può opporgli la scelta di aver ridotto i volumi di Castello anche sulla base delle prescrizioni di sicurezza della Via per la nuova pista dell’aeroporto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

17 commenti

  1. simone picchioni

    il ricorso al TAR di Unipol era messo ampiamente in conto e se Nardella ostenta sicurezza un motivo ci sarà…Penso che lo spostamento della Mercafir a Castello, dato che è una società a partecipazione e di rilevanza pubblica , possa essere pensato attraverso l’esproprio dei terreni di Unipol, invocando appunto l’interesse pubblico preminente.
    Una volta espropriata l’area di Castello verrebbe liberata quella attuale e si darebbe il via allo stadio….chi vivrà vedrà…..

  2. A me mi fate schiantare dal ridere….ma quando parlate lo accendete il cervello? Allora l’area Mercafir è del comune di Firenze, in teoria nostro, facendoci dei guadagni. Dovrebbe secondo voi favorire un privato regalando l’area per poi comune dover spostare la Mercafir su area privata. Ma tutto questo chi lo paga? I Della Valle? Ma perché non comprano l’area a suo tempo dall’allora Fondiaria e ora Unipol? Ma fosse “vostra” l’area la regalereste?

  3. Con la firma di Galletti Unipol si attacca al cxxxo. Avanti tuttaaaaaaaa ( Bolognesi è finita la Pacchia attacatevi Pure al Tar Che il comune di Firenze a Previsto anche questo )

  4. Unipol puo’ costruire a Castello 1 mln di metri cubi di cemento…….Poi il buon Nardella, al cui cospetto Bargellini e La Pira sono dei pivelli, può dire quello che vuole…..

  5. L’argentino e da mesi che è in trattativa con unipol rilevera tutto lui il quale girerà i 15 ettari alla mercati tutto molto lineare a parte chi deve cacciare i soldi per lo stadio…….

  6. un’altra proroga di SEI MESI si bona mi pare la novella dello stento vai via vai via

  7. ma se si sapeva da subito che Unipol si sarebbe opposta. Lo sapeva il mondo. E ci si è incaponiti con l’area Mercafir. Se non è essere ciechi sordi e testoni questo…. mah. Mi viene il dubbio se davvero lo vogliono fare questo stadio.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.