Il piano B-adelj

Il centrocampista Badelj. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Sul futuro di Kalinic, ma anche quello di Badelj, la Fiorentina non può permettersi di abbassare la guardia. Per il centrocampista croato questa è l’ultima sessione di mercato in cui, eventualmente, può essere ceduto ad una cifra buona. Per cui, se Milan, Inter, Roma o qualche altro club straniero si presenteranno con 12 milioni di euro in contanti ecco che scatterà la cessione del giocatore.

Per questo motivo c’è bisogno di avere un piano B per sostituirlo. In questo senso Larsson del Sunderland è già stato sondato, ma la prima offerta fatta non è stata gradita dal giocatore. Così come Schone dell’Ajax, anche se in questo caso si tratterebbe di un centrocampista offensivo che comporterebbe l’arretramento in pianta stabile di Borja Valero.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

6 commenti

  1. chiamalo piano B …. al massimo piano Z

  2. Per la redazione.Non capisco perche’ questa sarebbe l’ultima occasione per prendere soldi da una eventuale vendita,il suo contratto scade a Giugno 2018 e se lo vendono a Giugno 2017 perche’ non dovrebbero pagarcelo?non capisco
    Ultima occasione per prendere una buona cifra. A giugno 2017 dovrebbero pagarcelo ma non certo i 12 milioni che chiedono ora. Redazione

  3. Larsson Schone ma scherziamo vero se parte Badelj i sostituti devono essere Torreira tanto per fare un nome.

  4. Lo puoi prendere gratuitamente, ma da giugno 2018. E da qualche parte avevo letto che la Fiorentina potrebbe avvalersi di un’ opzione per un altro anno ancora, chissà se è vero?
    Comunque l’eventuale sostituto deve essere un giovane, quelli esperti li abbiamo già.

  5. Si parla anche che la Roma voglia vedere paredes per prendere i soldi per badelj.. Improbabile, ma io uno scambio tra i due lo farei subito!!

  6. Perché spendere ora 12 mln per un giocatore quando fra qualche mese lo puoi prendere gratuitamente?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*