Questo sito contribuisce alla audience di

Il punto su prestiti e comproprietà: la difesa

camporesenuovamagliaSono tanti i calciatori di cui la Fiorentina di Vincenzo Montella detiene il cartellino, alcuni in prestito per fare esperienza mentre altri in comproprietà, formula che verrà abolita a partire dal prossimo mercato. In vista della prossima sessione estiva, alcuni di questi elementi potrebbero rientrare alla base, altri potrebbero essere utilizzati come pedine di scambio per arrivare ad acquisire altri calciatori, mentre altri ancora potrebbero ancora necessitare di una stagione di crescita in prestito. Analizziamo la situazione relativa al reparto difensivo.
Michele Camporese: Uno dei tanti calciatori del vivaio viola in prestito nella serie cadetta per fare esperienza e crescere a livello individuale è Michele Camporese, classe 1992 di Pisa. In prestito al Cesena guidato da Pierpaolo Bisoli, il tecnico centrale difensivo ha collezionato venti presenze con tre reti all’attivo, mettendo in mostra le sue ottime potenzialità fisiche. Potrebbe essere lui uno dei rinforzi per l’Aeroplanino a partire dalla prossima annata.
Borsino possibile permanenza: 65%
Luca Bittante:Uno degli elementi più interessanti della Serie B è stato per le corsie esterne il laterale dell’Avellino Luca Bittante, classe 1993 di Bassano del Grappa. In comproprietà tra Lupi e Fiorentina, l’ex Bassano ha collezionato la bellezza di trentasette presenze agli ordini di Massimo Rastelli, evidenziando però lacune tattiche e di personalità. Sembra dunque previsto per lui un futuro ancora lontano dal Franchi, con la comproprietà che è possibile rinnovarla per un’altra stagione.
Borsino possibile permanenza: 30%
Marcos Alonso Mendoza: Giunto nell’estate del 2013 a parametro zero dal Bolton, formazione di Sky Bet Championship, il laterale spagnolo Marcos Alonso Mendoza non è riuscito ad imporsi nell’undici di Vincenzo Montella nei primi sei mesi di Serie A, totalizzando soltanto tre presenze. Nel mercato di riparazione il Sunderland dell’uruguaiano Gus Poyet ha deciso di scommettere su di lui nella rincorsa alla salvezza, vincendo la previsione: nelle sedici presenze in biancorosso, il classe 1990 di Madrid ha messo in mostra tutte le doti migliori che avevano convinto la dirigenza gigliata a prelevarlo dai Whithes. Le ultime indiscrezioni hanno parlato di un Alonso vicino al ritorno al Franchi, un ritorno per essere protagonisti.
Borsino possibile permanenza: 80%
Paolo Rozzio: Uno dei giovani che han ben figurato in prestito in questa stagione è Paolo Rozzio, difensore classe 1992 ceduto a titolo temporaneo al Pisa. In questa stagione in nerazzurro l’ex Juventus ha totalizzato venticinque presenze con due reti all’attivo,ma è poco credibile pensare possa tornare alla base la prossima stagione. E’ più probabile un prestito in Serie B per poter fare un salto di qualità programmato ed evitare lo sbalzo dalla Lega Pro alla Serie A.
Borsino possibile permanenza: 5%
Cristiano Piccini: Nella disastrosa stagione disputata dal Livorno di Davide Nicola, una delle poche note positive è stata quella rappresentata dall’esterno destro Cristiano Piccini, classe 1992 in prestito dalla Fiorentina di Vincenzo Montella. All’Armando Picchi l’ex Spezia è riuscito a maturare in fase difensiva, frazione di gioco in cui era carente, attirando l’interesse di numerosi club: il Genoa infatti sembra pronto a sferrare l’assalto al calciatore in vista della prossima stagione, restano da vedere le intenzioni della Fiorentina.
Borsino possibile permanenza: 50%
Nii Nortey Ashong: Uno degli elementi che sicuramente non comporrà la rosa della Viola la prossima stagione sarà Nii Shortey Ashong, classe 1994 di Accra. Molto veloce ma tecnicamente da rivedere, il vivaio gigliato ha disputato una stagione in prestito allo Spezia di Davis Mangia, con scarsi successi: sono soltanto due le presenze raccolte nella serie cadetta, e sembra destinato ad una sicura cessione.
Borsino possibile permanenza: 0%
Lorenzo De Silvestri: Una delle rivelazioni di questa stagione di Serie A è stata quella legata alle prestazioni del laterale destro della Sampdoria Lorenzo De Silvestri, in prestito con diritto di riscatto della metà della Fiorentina. Classe 1988 di Roma, De Silvestri ha avuto la gioia anche della chiamata di Cesare Prandelli per la Nazionale italiana, che attesta la qualità della stagione vissuta al Ferraris. Il suo futuro è ancora difficile da decifrare, ma potrebbe essere un ottimo rinforzo in vista della prossima stagione per ogni club, sì, anche per la Fiorentina.
Borsino possibile permanenza: 20%
Mattia Cassani: è notizia di ieri la mancata qualificazione alla prossima edizione di Europa League del Parma di Roberto Donadoni a causa di un problema burocratico, ma una delle colonne della formazione ducale è stata sicuramente Mattia Cassani, elemento rinato al Tardini: dopo un paio di brutte stagioni tra Genoa e Fiorentina, il classe 1983 di Borgomanero ha letteralmente vissuto una seconda giovinezza in gialloblù, collezionando trentotto presenze. Rivederlo al Franchi è molto difficile, ma il suo valore di mercato è certamente salito.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

1 Commento

  1. Io terrei in rosa e lo spero molto Cassani visto cosa ce in giro,punterei sull ormai maturo camporese, e Piccini che e’ come santon e si risparmia 10 topponi!da spende a centrocampo

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*