Il punto sul mercato: Corvino ora tocca a te. Due acquisti in arrivo

Il consiglio di amministrazione di oggi non ha chiarito granché su quello che sarà l’immediato futuro della Fiorentina ma una cosa è ormai evidente a tutti, ovvero che Corvino è sì l’unico responsabile del mercato ma è anche colui che alla fine dovrà far quadrare i conti. Dunque fiducia totale in Corvino che adesso ha campo libero per le sue operazioni. Il mercato della Fiorentina sta per entrare nel vivo e prima del ritiro di Moena arriveranno almeno un paio di pedine.

Intanto Dragowski è sempre più vicino a vestirsi di viola con Corvino che ha grandi progetti per lui. Arriverà alla Fiorentina, sarà valutato da Sousa che comunque ha già dato il suo ok all’operazione e sarà soddisfatto tratterrà Dragowski in prima squadra, poi si vedrà che fare con Tatarusanu.

Infine chiudiamo con Elabdellaoui, con la Fiorentina intenzionata a chiudere l’operazione nelle prossime ore, magari già lunedì per coprire la fascia destra ed aggiungere un terzino di livello ad un reparto che al momento comprende il solo Tomovic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

9 commenti

  1. no comment….

  2. Non conosco nessuno dei due ma tutto è giocare in Italia e tutto è giocare in Polonia e Grecia , io ma è un mio parere avrei puntato su giocatori italiani o stranieri che giocano in Italia vedi Scuffet Zappacosta o Widmer .

  3. Effettivamente. Anche perché poi almeno x il ruolo del portiere é facile pescare un italiano che ve ne sono di forti e per ogni tasca.
    Rischia di svincolarsi Sirigu che é uno dei migliori in Italia, prohlema é ingaggio ma x anni saresti a posto e finalmente con almen9 un italiano titolare ed un portiere degno della tradizione viola.
    Ma ci stanno giovanissimi(anche di scuola viola tipo Golini o giá in rosa alla lazzerini), ci sta poi Perin un altro alla sirigu che é infortunato e quindi é strano che non provono meanche x lui , meno giovani (sorrentino o pegolo come secondo ).almeno 2 portieri su 3 dovrebbero essere italiani e se non vai su un fenomeno come Frey allora é strano che la viola dal dopo frey non ha quasi mai pensato ad italiani x la porta che volendo spendere trovi un big o futuro big ma anche in offerta ci stanno.

    X altri ruoli quelli buoni di solito costano e allora riesco a farmi un idea del fatto che pure i Santon o giaccherini restano solo voci.

    Ma zarate x rossi é scelta strana e secondo me devono tenersi qualche ex primavera che ora cederanno badelj ilicic e babacar ma dovranno prendere una decina di giocatori e x risparmiare forse in pochi saranno italiani o provenienti dalla serie A .

  4. Se arrivano entrambi sono acquisti che, per motivi diversi, quoto in pieno..o potenziali campioncini under 21 oppure con esperienza max 25enni..eccezioni ammesse solo x operazioni low cost di SICURO affidamento stile giaccherini..sennò sarà dura conciliare i risultati economici e sportivi…

  5. Proprio non capisco, abbiamo bisogno di italiani è invece continuiamo a prendere stranieri.

  6. Semplice, è uno che, se fatto giocare potenzialmente è considerato da futura plusvalenza.

  7. curioso di vederlo all’opera in italia perche in grecia ha fatto bene. sulla destra spinge bene e non è male a crossare però la serie a è altra roba

  8. il “norvegese” l’ho visto giocare un po’ in champions. niente di che, ma ci vuole poco a fare meglio di tomovic o roncaglia. quindi ok, anche se poi bisogna capire quando s’è speso per lui

  9. continuo a non capire l’acquisto del portiere polacco mentre sono contento del terzino perche in quel ruolo ci serviva uno un po’ meglio di tomovic…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*