Questo sito contribuisce alla audience di

Il punto sul mercato: Kalinic, Ramadani e ciò che manca per il sì ai cinesi. Rischio Alonso-bis

Kalinic esulta dopo un gol. Foto: Luca Fanfani/Fiorentinanews.com

Sono ore importantissime per la vicenda Kalinic. Le parti in causa, dopo un incontro informale che si è tenuto ieri sera a Milano, si sono nuovamente incontrate in serata con la new entry di Fali Ramadani, procuratore che da sempre ha avuto un ruolo importante per la Fiorentina e che adesso gestisce pure la situazione di Kalinic. Con lui in campo la trattativa può davvero decollare (tra l’altro proprio Ramadani è anche il procuratore di Seferovic ex viola che potrebbe ritornare a Firenze per il dopo Kalinic).
Per il sì dell’attaccante croato alla Cina mancano ancora dei dettagli. Ad oggi si parla di una possibile offerta del Tianjin di 35-38 milioni di euro per la Fiorentina e 10 per il giocatore, con Corvino pronto a discuterne per 40 più bonus e il calciatore accetterebbe un quadriennale da 12 milioni netti (distanze dunque non siderali). D’altra parte la Fiorentina, preso atto che la cessione di Kalinic è un’ipotesi realistica, cercherà di guadagnarci il più possibile e di spingere il Tianjin oltre i 38 milioni, fissato come tetto massimo per l’offerta. Già nelle prossime ore dovrebbero arrivare novità importanti anche se per capire come andrà a finire la vicenda servirà attendere ancora.

Pazientare sì, ma non troppo (messaggio diretto alla Fiorentina). Nell’operazione Kalinic ballano tanti milioni e tanti interessi e per questo la trattativa potrebbe andare per le lunghe. Ma a fine mercato non manca poi tanto e il rischio di ritrovarsi con un tesoro da circa 40 milioni di euro non spendibile sul mercato c’è. In estate la Fiorentina non ha potuto sfruttare la cessione di Alonso per mancanza di tempo e non può permettersi un’altra situazione del genere con Kalinic che resta a tutti gli effetti il giocatore più importante della Fiorentina almeno per Sousa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. ….e sabato a chievo…..avanti con babacar non solo perché’ kalinic e’ squalificato…..mmmmmmm….

  2. Ma quale rischio? E’ quello che vogliono o beoni!!!!
    Intascare i 40 milioni tirando per le lunghe e poi dirottare i quattrini su altro, dal momento che…il mercato è finito!!!
    Possibile che si debba continuare a fare i bischeri come se nulla fosse?

  3. Che schifo di proprietà, ma dico un giornalista serio non servo dei DV ma quando uno di questi signori Andreino o Cognigni parlano , ma dirgli ma non vi siete stancati di prendere per il sellino Firenze e i tifosi viola.

  4. Leggendo i nomi dei personaggi in campo viene da pensare come tutti ci guadagnino tranne quei poveri s…..i dei tifosi.

  5. Guarda Gino che un professionista come Kalinic che ama giocare a palla e fare le partite non si fa diffidare apposta per la Cina… Avrebbe giocato tranquillamente la prossima partita… Tanto più che il campionato cinese mah… Credo si riposi già li poi…

  6. Non è per mancanza di tempo, è per mancanza di volontà di reinvestimento.
    Arriverà qualche scarto di Ramadani in prestito.

  7. Non ci faremo trovare impreparati….anche stavolta l’hanno detta…ma se stessero zitti non farebbero miglior figura ? FV

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*