Il punto sul mercato: La Fiorentina prepara il dopo Salah. C’è un problema italianizzazione

La Fiorentina incassa l’ennesima batosta della sua estate, perde Salah a zero euro e si trova al tre di luglio con una squadra praticamente da inventare. Comunque i viola hanno portato avanti anche in questi giorni un piano B per sopperire alla mancanza dell’egiziano. Lorenzo Insigne è il sogno del direttore sportivo Daniele Pradè ma sembra troppo legato al Napoli per potersi trasferire in questa sessione di mercato, anche alla luce delle rassicurazioni avute da Sarri sul suo impiego, quindi è meglio depennarlo dalla lista dei possibili arrivi.

In tutto questo però c’è un problema da non sottovalutare perché con le nuove regole dalla prossima stagione le rose delle squadre dovranno essere composte massimo da 25 giocatori dei quali 8 devono essere italiani o cresciuti calcisticamente in Italia e la Fiorentina ne è molto carente. Infatti al momento può contare solo su Bernardeschi, Pasqual e Babacar. Tre su otto, troppo pochi. Anche per questo la Fiorentina spinge per portarsi a casa Donati (contatti avviati con il giocatore che ha già dato la sua disponibilità, con il Bayer Leverkusen pronto a cederlo senza troppe richieste) e Baselli (situazione leggermente più complicata ma con il Milan defilato la Fiorentina è la prima scelta del centrocampista dell’Atalanta), due italiani di ottime prospettive che possono rivelarsi fondamentali sotto tanti aspetti.

Inoltre la Fiorentina adesso si affiderà molto alla competenza di Pereira/Mendes per portare a Firenze giocatori di medio alto livello. I soldi promessi a Salah saranno reinvestiti sul mercato per arrivare ad almeno un paio di giocatori che possano rinforzare l’attuale rosa della Fiorentina. In difesa i viola stanno mettendo mano alla diplomazia per cominciare a parlare con il Basilea di Xhaka, giocatore che Sousa vorrebbe in viola con sé. Per la porta c’è Sepe, con la garanzia che si giocherà il posto con Tatarusanu e che potrà ritagliarsi il suo spazio in stagione. Per il centrocampo si aspettano nomi a sorpresa ma saranno giocatori di spessore. In attacco Pereira sta ancora cercando di piazzare Mario Gomez mentre Ilicic, alla luce della partenza di Salah potrebbe anche essere riconfermato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA