Il punto sul mercato: La voglia di Ljajic di essere protagonista. Sousa aspetta un regalo

Si torna prepotentemente a parlare di Adem Ljajic in chiave Fiorentina. Diciamolo subito, Corvino per andare ad acquistare l’attaccante della Roma deve prima cedere un giocatore “sostanzioso” per racimolare un gruzzoletto tale da poter offrire 6-7 milioni di euro ai giallorossi, oppure deve sperare che lo stesso Ljajic rinnovi il suo accordo con la Roma per poi cercare di prenderlo in prestito. Insomma appare evidente come anche questa trattativa sia molto complicata da intavolare, ma Corvino ci spera perché ha sempre avuto un debole per Ljajic e anche Paulo Sousa aspetta un regalo per la sua Fiorentina. In tutto questo Ljajic è alla ricerca di una squadra che si sposi con le sue caratteristiche e soprattutto lo renda nuovamente protagonista, proprio com’è stato ai tempi della Fiorentina.

Chiudiamo con Giuseppe Rossi. Sul suo futuro regna ancora l’incertezza, non è chiaro dove giocherà la prossima stagione ma il suo procuratore, Andrea Pastorello, nei prossimi giorni salirà a Moena con Corvino e allora sì che si prenderà una decisione sul futuro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

16 commenti

  1. Una volta tanto sono d’accordo con Enrico tv è inutile incavolarsi, non ci sono soldi in cassa e non hanno messo un euro per la campagna acquisti questa è la cruda realtà !
    Bucchioni un mesetto fa disse che i Della Valle avevano 20 milioni pronti per la campagna acquisti, balle balle balle e non capisco perchè i vari siti continuino a publlicare pezzi di questo autentico falsario dell’informazione.
    Una domanda però me la faccio, ma i Della Valle perchè tengono una società senza ambizioni in questo limbo che mal si addice all’immagine vincente (o presunta vincente) delle loro aziende nel mondo ?
    Un Andrea latitante che non si vede da due mesi a Firenze, un Diego che non si vede da sei e quando viene crea solo casini con le sue dichiarazioni, ma Firenze che cosa rappresenta per questi due signori, che ci stanno a fare ? lo stadio non si fa, la cittadella idem, il bel plastico tirato fuori nel 2008 se lo stanno mangiando i topi , che cosa è che lega questo “fiore” dell’imprenditoria italiana a Firenze, la passione per la Fiorentina ? non credo , fra l’altro sono interisti dichiarati !

  2. Siccome siamo in periodo di mercato e non ci sono notizie, allora i giornalisti, dovendo vendere il loro prodotto, devono scrivere qualcosa, e noi a commentare arrivi e partenze inesistenti, solo sulla carta, ipotesi, sogni. Ma credo sia meglio aspettare e poi fare le considerazioni a bocce ferme. E’ inutile esaltare o criticare la proprietà solo su voci, supposizioni, invenzioni. Cerchiamo di essere persone razionali e non solo istintive

  3. Sprecare soldi per Nutellovic, per di più cedendo qualcuno d’importante per arrivarci, quando a meno di quaranta giorni dall’inizio del campionato hai tre (TRE) difensori puri dei quali uno si chiama Tomovic, sarebbe una mossa di una… “astuzia” (tra rigorose virgolette) tale che la notizia potrebbe anche essere veritiera.

  4. Tirchi ,ciabattini,calzolai,braccini,pidocchiosi,aggettivi per i Della Valle.Sapete che in Italia ci sono circa 102 società professionistiche e che la Fiorentina,da alcuni anni,si colloca dal terzo al quinto posto di questa graduatoria.Riflettete gente, riflettete.

  5. Non essendoci vere notizie da commentare, tutti a far polemica, ma é veramente venuto a noia….

  6. bravo Mino! via i della balle da firenze.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*