Il punto sul mercato: Sousa aspetta ancora un altro colpo per reparto. E poi c’è il regalo

Gilardino Cesena

Gilardino Cesena

Con Kalinic la proprietà viola prosegue la realizzazione di quelle che erano le promesse fatte a Moena, con cinque colpi almeno per rinforzare una rosa scarna. Da allora sono giunti Astori e appunto proprio Kalinic, che oggi ha vissuto la sua prima (mezza) giornata fiorentina. Non consideriamo Mario Suarez nel senso che numericamente è arrivato in contemporanea con la partenza di Savic.

Risolta quindi la missione della sostituzione di Gomez, la società viola cercherà anche un attaccante esterno. Qui la speranza, come ampiamente sottolineato, è di non arrivare ad averne assoluta necessità nel caso cioè in cui Joaquin dovesse salutare la compagnia. La Fiorentina affronterà presto anche la sua questione, con la possibilità di garantire allo spagnolo un rinnovo soddisfacente, in grado di farlo stare tranquillo a dispetto di potenziali proposte del Betis (è quella infatti la sua quasi unica destinazione in caso di addio). L’attenzione viola è comunque rivolta anche al centrocampo, dove trovare il calciatore ideale non è facile ma l’identikit è un po’ il solito: un calciatore abile nella doppia fase, possibilmente giovane ed i nomi di Donsah e Susic andrebbero proprio in quella direzione. Qualcosa in pentola bolle già, e non potrebbe essere altrimenti, magari anche in difesa dove Hegazi è vicinissimo ai titoli di coda.

Chiudiamo con quello che potrebbe essere il colpo conclusivo del mercato, con la classica operazione nostalgica di fine mercato. Andrea Della Valle pensa infatti ancora a Gilardino e vorrebbe a suo modo fare un regalo a Paulo Sousa come completamento del reparto, sempre che il Gila non ceda alle lusinghe del Carpi. Sarà comunque, eventualmente, un discorso per il rush finale.

Foto: LF/Fiorentinanews.com

© RIPRODUZIONE RISERVATA

27 commenti

  1. Dr.Marcus, la Sua e una disanima che rispecchia l oggettivita di come stanno realmente i fatti
    Complimenti
    E auguri per la viola no?

  2. A mio parere uno come Gigarini in mediana sarebbe un giocatore da prendere no Prade !? Ma visto che i rapporti con l Atalanta sono quello che sono vedi Bonaventura alla viola chiest 10ml all Milan per 7ml Baselli e l altro che ora a mente non mi ricordo sembravano della viola invece arriva il Torino e in 48 visite e firme contrattuali
    Di chi e la colpa? Se cosi vogliamo chiamarla forse dell ex dg Leonardi… o dei dirigenti viola non sto a guffare e la verita ..
    E nel frattempo Prade aspetta i saldi di fine stagione..e ditemi se Montella non aveva ragione nel chiedete chiarezza!!!!
    AmSalhabim

  3. Serve ancora un esterno d’attacco di qualità: Berna e Joaquin non bastano per 40+ partite!

  4. L’acquisto di Kalinic esclude quello di Gila. Abbiamo già 3 giocatori come prime punte, pertanto se dovesse arrivare un nuovo attaccante sarà solo un esterno o che possa fare entrambi le cose per sostituire Salah, altrimenti non credo che ci siano altri acquisti in avanti!!!

  5. luca tifa la maglia viola

    Prandelli e’ disoccupato, allenare a l’estero e’ stato un disastro, in Italia gli piacerebbe una grande ma non se lo fila nessuno…. Montella faceva da neci perche’ e’ convinto che almeno uno tra Garcia, Sinisa, Sarri o Mancini salti presto e lui e’ li che gufa

  6. Il Gila da sicurezza al reparto. Putroppo pero’ Paulone gioca con una punta, quindi il Gila non e’ esattamente quello che serve in questo momento. Mi sambra chiaro a tutti che sia necessario un attaccante esterno: a parte Giocaahino e Berna che non possono giocare tutte le partite, Ilicic non e’ in grado di fare l’esterno e Pasqual e Gilberto sono difensori non attacanti.
    Poi, prima del centrocampista, c’e’ bisogno di un difensore centrale per formare la coopia titolare con Gonzalo.

  7. Dr. Marcus, condivido pienamente quello che hai scritto ,ma attento che ora ti diranno che sei un rosicone ed uno pseudo tifoso.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*