Questo sito contribuisce alla audience di

Il retroscena di Ausilio su Vecino

In un’intervista a Tuttosport, il direttore sportivo dell’Inter Piero Ausilio ha svelato un’importante retroscena di mercato per quanto riguarda un ex viola acquistato dall’Inter in estate: “Su Vecino ammetto che la clausola ci ha agevolati, probabilmente la Fiorentina dopo le cessioni di Borja e Bernardeschi non lo avrebbe venduto. Spalletti lo sta aiutando a crescere, se a Firenze era un buon giocatore con noi diventerà un top player.” La domanda che sorge spontanea è: visto il valore del giocatore e l’importanza che poteva rivestire anche nella stagione corrente, perchè la clausola non è stata tolta o alzata?

© RIPRODUZIONE RISERVATA

7 commenti

  1. 24 milioni sono tantissimi abbiamo fatto un affare punto è basta tanto con noi i top player non rimangono

  2. Aggiungo che Vecino non ha neppure accettato un rinnovo di contratto

  3. La clausola rescissoria si presume che non sia unilaterale, ma concordata tra le parti, quindi, l’interesse di Vecino era che la cifra rimanesse tale, perchè, se si fosse presentata una società disposta a sborsare l’importo, sicuramente sarebbe stata una società più quotata della Fiorentina e quindi con più vantaggi economici per lui, oltre a giocare in una squadra più forte e presumibilmente, con più obbiettivi

  4. bé. credo la risposta sia semplice. Non è stato proposto di alzare la clausola rescissoria perché avrebbe comportato un aumento dell’ingaggio. E credo che i foulardati non ci sentano da quell’orecchio….

  5. Questa è la grande attrazione che ha la Fiorentina in chiave marchigiana sui suoi tesserati

  6. il depresso di Pontassieve

    Può essere vero e credo proprio sia andata come sostiene l’amico Mario 48 .ma è evidente che la Fiorentina non è una società affidabile e professionale .li c’è approssimazione ,incompetenza e una tale incapacità che in altre piazze io non vedo.Perciò mi sorge spontaneo il dubbio che a partire dal proprietario sono tutti in malafede perchè sbagliare è umano ma perseverare è diabolico e qui sono anni che essi ripetono in continuazione i soliti medesimi errori e ancora non è finita ..vedremo Badelj e qualcun altro

  7. Credo perché per toglierla o alzarla andava rinnovato il contratto e, con l’Inda che lo cercava, con il ridimensionamento voluto dal Club, lui non avrebbe mai firmato, quindi una telenovela in meno.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*